Controindicazioni dello zenzero, quando è pericoloso per la salute

Lo zenzero è una spezia ricca di proprietà benefiche, ma non mancano le controindicazioni che lo riguardano e che lo rendono, a volte, pericoloso per la salute. Generalmente, si tratta di rischi connessi a un superamento delle dose giornaliera di zenzero consigliata o a determinate condizioni di salute. Scopriamo di più sullo zenzero, utilizzato in molte ricette.

Pubblicato da Elena Arrisico Giovedì 3 maggio 2018

Controindicazioni zenzero

Foto di pilipphoto/Shutterstock.com / shutterstock

Nonostante le numerose proprietà benefiche possedute, non mancano le controindicazioni dello zenzero, a volte pericoloso per la salute: questa spezia preziosa può, infatti, rivelarsi dannosa se ci si trova in determinate condizioni di salute o quando se ne abusa. Dalle proprietà antinfiammatorie e antiossidanti, lo zenzero è utilizzato in molte ricette e può essere consumato come tisana, bollito o in polvere. È necessario, però, non superare la dose giornaliera di zenzero consigliata, per evitare spiacevoli controindicazioni. Scopriamo i lati “oscuri” di questa gustosa spezia.

Aumenta il rischio di emorragie

Controindicazioni zenzero emorragie

Foto di Rost9/Shutterstock.com / shutterstock

Se siete delle persone in sovrappeso o soffrite di malattie cardiache, lo zenzero può rivelarsi estremamente utile, in quanto agevola la circolazione sanguigna. C’è, però, un aspetto da non sottovalutare: in caso di emofilia – malattia genetica provocata da un difetto della coagulazione del sangue – lo zenzero può essere estremamente pericoloso. Il motivo? Questa spezia può entrare in contrasto con i farmaci assunti e aumentando, lo zenzero stesso, il flusso sanguigno, una sua eccessiva assunzione aumenterebbe – di conseguenza – il rischio di emorragie.

Contrasta l’aumento di peso

Controindicazioni zenzero aumento peso

Foto di Photographee.eu/Shutterstock.com / shutterstock

Lo zenzero è un alimento prezioso per chi deve perdere peso: essendo pieno di fibre, inoltre, aiuta ad aumentare il senso di sazietà, oltre ad agevolare la produzione di enzimi digestivi, favorendo la metabolizzazione del cibo in modo più efficiente e veloce. Tale aspetto può rivelarsi un’arma a doppio taglio, se si è sottopeso o, addirittura, anoressici: se avete bisogno di aumentare di peso, lo zenzero non fa al caso vostro.

Riduce l’effetto dei farmaci

Controindicazioni zenzero farmaci

Foto di fizkes/Shutterstock.com / shutterstock

Come anticipato prima, tra le controindicazioni dello zenzero, c’è quella di ridurre l’effetto di alcuni farmaci, con i quali può entrare in contrasto. Le persone che assumono determinati farmaci devono prestare particolare attenzione, così da evitare spiacevoli conseguenze. Se state assumendo dei farmaci per il diabete o per l’ipertensione, sappiate che questa spezia può entrare in contrasto con anticoagulanti, betabloccanti, antistaminici, insulina e altri medicinali; per tale ragione, è sempre consigliabile chiedere il parere al proprio medico.

Mette in pericolo la gravidanza

Controindicazioni zenzero gravidanza

Foto di Natalia Deriabina/Shutterstock.com / shutterstock

Lo zenzero andrebbe evitato soprattutto in gravidanza, sebbene questo agevoli la digestione: un suo consumo, durante questo particolare momento nella vita di una donna, potrebbe condurre a contrazioni precoci, anticipando il travaglio. Anche se è utile per alleviare la nausea mattutina, sarebbe il caso di evitare di assumere zenzero almeno fino al terzo trimestre di gravidanza. Un consumo eccessivo di questa spezia potrebbe, poi, portare a emorragie o aborti. Il consiglio è, ad ogni modo, sempre quello di parlare con il proprio medico, facendosi seguire passo dopo passo.

Stimola il rilascio di bile

Controindicazioni zenzero cistifellea

Foto di Image Point Fr/Shutterstock.com / shutterstock

Tra gli effetti collaterali dello zenzero, c’è quello di stimolare il rilascio di bile dalla cistifellea; caratteristica che lo rende altamente sconsigliato in quei soggetti che soffrono di calcoli biliari. Le conseguenze di un suo consumo eccessivo, in questo caso, potrebbero mettere a serio rischio la salute.

Può provocare diarrea

Controindicazioni zenzero diarrea

Foto di Emily frost/Shutterstock.com / shutterstock

La dose giornaliera raccomandata di zenzero va dai 10 ai 30 grammi di radice fresca e ciò, in ogni caso, dipende anche dallo stato di salute del soggetto in questione. Se assunto in modo eccessivo, lo zenzero può provocare nausea, vomito, diarrea, gonfiore addominale e aerofagia. Si tratta, dunque, di un alimento che andrebbe evitato in chi soffre di colon irritabile; mentre, è particolarmente indicato in chi ha problemi di stitichezza o stipsi.

Aumenta il rischio di gastrite

Controindicazioni zenzero gastrite

Foto di siam.pukkato/Shutterstock.com / shutterstock

Tra le tante ricette, c’è quella della tisana allo zenzero che rappresenta un rimedio naturale efficace contro raffreddore, tosse e l’influenza in generale. Attenzione, però, al collegamento tra zenzero e gastrite: soprattutto se assunto in quantità elevate, questa spezia può favorire la comparsa di ulcere, provocando non pochi problemi al tratto digestivo.

Può provocare allergie

Controindicazioni zenzero allergie

Foto di Africa Studio/Shutterstock.com / shutterstock

Infine, lo zenzero potrebbe provocare eruzioni cutanee o altre reazioni nei soggetti allergici. Chi soffre di allergie, dunque, dovrebbe prestare particolare attenzione alla sua assunzione, cercando di non esagerare mai nelle dosi. Per ogni dubbio, è bene rivolgersi al proprio medico, che saprà fornire tutte le risposte del caso.