Disturbi alimentari

I disturbi alimentari (DCA) sono patologie caratterizzate da un’alterazione delle abitudini alimentari e da un’eccessiva preoccupazione per il peso e per le forme del corpo. I comportamenti tipici di una persona che soffre di DCA sono: digiuno, restrizione dell’alimentazione, crisi bulimiche, vomito autoindotto, assunzione impropria di lassativi e/o diuretici al fine di contrastare l’aumento ponderale, intensa attività fisica finalizzata alla perdita di peso. In Italia sono oltre 3 milioni di persone a soffrire di DCA.

Conseguenze della bulimia: quali sono?

Conseguenze della bulimia: quali sono?

La bulimia è un disturbo dell’alimentazione caratterizzato da due momenti: abbuffata e vomito auto indotto. Le conseguenze sull’organismo dipendono dalla durata della malattia.

Bellezza? Basta mangiare sano

Bellezza? Basta mangiare sano

Una nuova iniziativa per combattere l’anoressia sempre più diffusa tra le giovani adolescenti. A Milano, nel corso della Settimana della moda saranno distribuiti sani prodotti alimentari.

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause, cura e rimedi

Reflusso gastroesofageo: sintomi, cause, cura e rimedi

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo molto irritante che colpisce l'esofago. Si stima che il 40% degli individui adulti ne accusi i sintomi almeno una volta al mese. Oggi scopriamo cosa fare per far fronte al problema.

Sassy Thomas, il suo lavoro è mangiare

Sassy Thomas, il suo lavoro è mangiare

Sassy Thomas è una donna inglese di 30 anni che pesa ben 152 chili e che mangia praticamente di tutto, il suo lavoro è mangiare, riesce a guadagnare più di 2 mila sterline al mese vendendo agli uomini video e foto che la ritraggono mentre mangia.

Bulimia nervosa: sintomi e cure

Bulimia nervosa: sintomi e cure

La bulimia nervosa è una malattia subdola e che, come tutti i disturbi alimentari, è difficile da diagnosticare e da curare. La bulimia nervosa presenta vari sintomi specifici che un bravo psicologo può individuare per iniziare a risolvere questo problema che se sottovalutato può condurre anche alla morte.

Pagina 1 di 1