Tumore al seno: colpita 1 donna su 8, ma la sopravvivenza sale all’87%

Prevenzione, ricerca e cure mirate hanno reso più rosa il futuro delle 50mila donne che ogni anno ricevono una diagnosi di cancro al seno, aumentando le possibilità di sopravvivenza e la qualità di vita durante i trattamenti

Pubblicato da Maria T. Ferrari Mercoledì 26 settembre 2018

Tumore al seno: colpita 1 donna su 8, ma la sopravvivenza sale all’87%
Foto Di Minerva Studio/Shutterstock.com

Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno ed è importante ricordare che prima si individua questa patologia, più chance di curarlo si hanno. Le donne colpite da un cancro mammario in Italia sono 1 su 8. Il che corrisponde a 50mila nuove diagnosi all’anno, ovvero 135 donne che ogni giorno scoprono di avere la neoplasia più diffusa nell’universo femminile.

Aumenta la percentuale di sopravvivenza

Numeri che fanno girare la testa quelli forniti da AIRC in occasione della campagna Nastro Rosa che si ripete come ogni anno per sensibilizzare sull’argomento.
La buona notizia è che la percentuale di sopravvivenza è in costante crescita. Grazie alla continua ricerca e all’innovazione nelle cure si è infatti passati dall’81 all’87% negli ultimi 20 anni.

Aumenta la qualità di vita della pazienti

E oltre alla sopravvivenza è in costante aumento anche la qualità di vita delle pazienti sia durante che dopo il trattamento. Gli studi condotti da inizio anni 2000 a oggi hanno infatti portato a un’importante scoperta: il tumore al seno non è un’unica malattia. Si divide infatti in almeno quattro tipi diversi in base alla tipologia di alterazione molecolare che provoca.
Conoscere la tipologia aiuta a elaborare trattamenti mirati sulla persona, riducendo così gli effetti collaterali e massimizzando l’efficacia della cura.

L’importanza della prevenzione

Uno stile di vita sano, check-up regolari e l’autopalpazione possono davvero fare la differenza per ridurre il rischio di sviluppare il cancro al seno e per permettere di individuarlo nella sua fase iniziale, quando è più semplice curarlo.
Quindi non fumare, fai attività fisica e mangia molti vegetali. E se ti accorgi che c’è qualcosa di strano, parlane subito con il tuo medico.