Il vaiolo delle scimmie: di cosa si tratta e i casi in Europa

Sono tre i casi di vaiolo delle scimmie attualmente registrati in Europa. Questa malattia, potenzialmente mortale, è arrivata dall’Africa dove esistono dei focolai di infezione. Ecco che cos’è il vaiolo delle scimmie e quali sono i suoi sintomi.

Pubblicato da Giulia Sbaffi Mercoledì 3 ottobre 2018

Il vaiolo delle scimmie: di cosa si tratta e i casi in Europa

Cresce la paura per il vaiolo delle scimmie, dopo aver scoperto che sono saliti a tre i casi registrati in Europa. Questa malattia, proveniente dall’Africa, è causata da un virus molto simile a quello del vaiolo, sebbene provochi sintomi meno gravi. È tuttavia una patologia che può avere conseguenze mortali nel 10-20% dei casi. Scopriamo qualche dettaglio in più sul vaiolo delle scimmie.

Che cos’è il vaiolo delle scimmie? Cause e sintomi

Il vaiolo delle scimmie è una malattia scatenata da un virus molto simile a quello del vaiolo, che da diversi decenni è ormai stato eradicato. Il suo nome deriva dal fatto che il virus è stato identificato per la prima volta nelle scimmie.

Questa patologia è molto diffusa in Africa, dove ancora oggi si verificano periodicamente delle epidemie. Qualche settimana fa il vaiolo delle scimmie è arrivato anche in Europa, e più precisamente in Gran Bretagna, a causa di un uomo nigeriano che era stato contagiato dal virus.

Tra i sintomi del vaiolo delle scimmie si annoverano febbre, mal di testa, brividi, spossatezza, mal di schiena, dolori muscolari e linfonodi ingrossati. Nella seconda fase della malattia, compaiono prima sul viso e poi su tutto il resto del corpo le caratteristiche bolle che ricordano quelle del vaiolo. In seguito possono formarsi vesciche e croste.

La patologia si può diffondere mediante morso o contatto con il sangue di animali infetti quali ratti, scoiattoli e altri tipi di roditori. Il contagio da uomo a uomo è invece più difficile, sebbene non impossibile. La mortalità del vaiolo delle scimmie si aggira tra il 10 e il 20%.

Il vaiolo delle scimmie in Europa

Il primo caso di vaiolo delle scimmie è stato registrato qualche settimana fa in Gran Bretagna. Un ufficiale della Marina nigeriana, recatosi presso la base della Royal Navy in Cornovaglia per un’esercitazione, è stato trovato positivo al virus.

L’uomo ha accusato i primi sintomi una volta arrivato alla base, e per prudenza tutti i 50 passeggeri dell’aereo con il quale è sbarcato in Inghilterra sono stati prontamente allertati per sottoporsi a controlli specifici.

Il secondo caso di vaiolo delle scimmie in Inghilterra, non correlato al primo, riguarda un uomo che ha recentemente visitato la Nigeria, ed è attualmente ricoverato presso il Blackpool Victoria Hospital. Uno dei membri dello staff medico che si è preso cura di questo paziente ha contratto la malattia (il terzo caso in Gran Bretagna).