Un naso nuovo senza chirurgia

Il rinofiller è la nuova tendenza in fatto di medicina estetica per interventi di rimodellamento del naso che prevedano piccoli miglioramenti.

Pubblicato da Dott. Sergio Noviello Mercoledì 17 dicembre 2014

Un naso nuovo senza chirurgia

Una volta era il naso alla francese, piccolo e con la punta all’insù, a dettare legge. Oggi il più richiesto, dalle inglesi of course ma pare che si stia diffondendo sempre più anche tra le italiane, è quello alla Kate Middleton: diritto e con la punta arrotondata. Cambiano i modelli di riferimento ma il mito del naso perfetto non perde smalto e la ragione è presto detta: da un punto di vista anatomico, il naso è l’elemento che conferisce armonia e carattere al viso e quando lo si percepisce come eccessivo ne risente l’immagine complessiva che si ha di sé.

Secondo i dati più recenti, ad oggi la rinoplastica è l’intervento chirurgico più richiesto: 23.892 interventi nel 2013, +55.4% rispetto al 2012, con una percentuale molto elevata di richieste maschili. Cambiano i modelli, dunque, ma cambiano anche le tecniche, che puntano sempre di più verso naturalezza dei risultati e ridotta invasività. Tra le novità più rilevanti in questo settore, si sta facendo strada il rinofiller, ovvero infiltrazioni subdermiche di sostanze riempitive per correggere o migliorare moderate alterazioni del profilo nasale o esiti di rinoplastiche eseguite con tecniche tradizionali. L’intervento, che ha il grande vantaggio di essere mininvasivo e di consentire un rapido recupero, si svolge in regime ambulatoriale e richiede pochi minuti e nessuna convalescenza.

Dopo aver disinfettato la zona e iniettato poche gocce di anestetico locale, si effettuano le infiltrazioni di sostanze riempitive riassorbibili o semipermanenti. Una volta terminato l’intervento, il paziente può tornare immediatamente alle normali attività, facendo attenzione a evitare attività traumatiche per qualche giorno. In genere una o due sedute sono sufficienti per eseguire le correzioni, mentre la necessità di ripetere il trattamento è legata alla tipologia di materiale utilizzato. In genere non sono riscontrate controindicazioni, se non un po’ di gonfiore e piccole ecchimosi, ma è un intervento da evitare in caso di soggetti particolarmente allergici. Il costo di una seduta di rinofiller oscilla tra i 350 e i 1200 euro.