Tumore: la morfina può contrastarne la crescita

da , il

    Tumore: la morfina può contrastarne la crescita

    In campo medico, la morfina è un farmaco utilizzato da secoli come analgesico, per lenire il dolore causato da malattie croniche invalidanti. Un team di ricercatori della University of Minnesota Medical School, coordinato dalla dottoressa Sabita Roy, ha provato l’efficacia della sostanza nel bloccare la crescita delle masse cancerose di alcune tipologie di tumore. La morfina agisce limitando la formazione di nuovi vasi sanguigni: terreno fertile per le cellule tumorali. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sull’autorevole rivista scientifica American Journal of Pathology.

    Era il 1971 quando lo scienziato Judah Folkman ipotizzò per la prima volta che prevenire lo sviluppo di nuovi vasi sanguigni avrebbe ostacolato la crescita delle masse cancerose, perché avrebbe privato le cellule tumorali dei nutrienti necessari allo sviluppo. Quarant’anni dopo, i ricercatori americani hanno sperimentato la morfina su alcune cavie da laboratorio affette da tumore ai polmoni, scoprendo che dosi elevate dell’analgesico permettono di limitare il processo di formazione di nuovi vasi (angiogenesi) indotto dal cancro.

    La morfina agisce sopprimendo alcuni segnali tra cellule che portano allo sviluppo di nuovi vasi sanguigni e quindi alla progressione del tumore. Rifacendosi ai risultati della sperimentazione sui topi, l’autrice della ricerca Sabita Roy ha sottolineato l’importanza di utilizzare la morfina per alleviare il dolore cronico causato dai tumori maligni.