Tumore e chemioterapia: la storia di Francesca, Miss Over Baby 2010

da , il

    Tumore e chemioterapia: la storia di Francesca, Miss Over Baby 2010

    Francesca Sarti è la nuova Miss Baby Over 2010. E’ stata eletta a Pesaro nel week-end. Ha 35 anni la bella bolognese che ha una marcia in più: ha sconfitto un cancro. Lo ha raccontato al momento dell’incoronazione e l’emozione è stata forte. Anche lei come tante altre è stata operata per un tumore al seno. Un anno e mezzo fa ed è reduce da 12 mesi di chemioterapia. La sua forza ed il desiderio di vincere la sua battaglia contro il dolore della malattia l’hanno aiutata a tornare bella ed in forma. A tal punto da vincere un concorso di bellezza.

    Anche lei ha perso i capelli e le ciglia. Il suo organismo sicuramente ne è stato provato. Ma non la volontà di sconfiggere il cancro indubbiamente. Lo spirito giusto è questo. Sono molte le ricerche scientifiche che sottolineano come la positività aiuti a guarire più velocemente.

    Francesca diventa così essere un esempio importante per tutte quelle donne che soffrono per il cancro al seno, ma anche per chi comunque convive con una neoplasia. La sua fascia da Miss ha una valenza doppia, rappresenta la vittoria al concorso e sulla malattia. Non solo.

    Nel suo cuore sono nate tante speranze, un modo diverso di guardare al futuro e la capacità di affrontarlo, si tratta di una nuova vita. Tutte le donne malate devono crederci: il cancro si può sconfiggere.

    E’ un caso che questa elezione sia avvenuta ora: siamo in ottobre mese della prevenzione del tumore al seno. Ancora una volta cogliamo l’occasione per ricordare quanto sia importante la diagnosi precoce.

    Come si fa? Con l’autopalpazione o la visita senologica; con l’ecografia o la mammografia, a seconda dei casi. Semplicemente recandosi in questo periodo in uno dei centri della Lilt (Lega Italiana Lotta ai Tumori) che mette a disposizione strumenti e specialisti in modo gratuito.

    Quest’anno la campagna di sensibilizzazione è dedicata anche e soprattutto alle donne giovani che, come Francesca Sarti non rientrano negli screening, ma vengono egualmente colpite da tumore.