Smagliature in gravidanza: cosa fare?

da , il

    La gravidanza è un periodo magico per ogni donna, la sensazione portare in grembo un bambino, sentirlo muoversi dentro, è unica. Purtroppo, però, le donne in dolce attesa vanno incontro a una serie di disturbi, più o meno gravi e fastidiosi, che non è sempre possibile eliminare completamente. Le smagliature sono quasi una costante: di mese in mese il pancione cresce sempre di più e la pelle si dilata di conseguenza; subito dopo il parto, invece, avviene il processo contrario: la pancia si sgonfia, in modo tra l’altro molto più rapido. L’elasticità cutanea è messa a dura prova, da qui è facile capire perchè le smagliature prolificano.

    Le zone maggiormente colpite sono l’addome, per i motivi descritti sopra, e il seno, che invece si dilata a seguito del naturale sviluppo della ghiandola mammaria durante l’allattamento. Le smagliature possono comparire durante tutta la gravidanza, fin dai primi mesi, e sono particolarmente difficili da eliminare. Inizialmente si presentano come striature rossastre molto sottili, che con il tempo diventano bianche e sempre più spesse, fino ad assumere l’aspetto di vere e proprie cicatrici.

    Premesso che eliminare le smagliature già comparse è un’impresa quasi impossibile, l’arma migliore per combatterle è senza dubbio la prevenzione. Un po’ di attività fisica, senza esagerare, con esercizi studiati appositamente per prevenire le smagliature, è il primo passo fondamentale da intraprendere. In secondo luogo è importante mantenere la pelle sempre idratata, soprattutto nei punti più critici. Il trattamento più indicato è senza dubbio il massaggio quotidiano con creme idratanti, o ancora meglio con olio di mandorle, olio di jojoba o olio di germe di grano. Pancia e seno vanno cosparse con il prodotto che preferite almeno due volte al giorno: il massaggio è delicato e va esercitata una leggera pressione, con un movimento circolare, dal basso verso l’alto.

    Consiglio inoltre di sostenere il seno con reggiseni rinforzarti, durante gravidanza e allattamento, e di evitare di cospargere d’olio la zona dell’areola mammaria.

    Foto da:

    more4kids.info realself.com runforcoveronline.com erboristeriamagentina.it babytotzone.com flickr.com