Sclerodermia: screening gratuito da maggio

da , il

    La sclerodermia è una malattia molto brutta, indurisce la cute delle mani, poi del viso ed infine pietrifica gli organi interni. Immaginate soli quanto sia spaventosa, purtroppo non c’è una cura, è degenerativa e nella maggior parte casi il decorso è lento e si fanno delle cure che ritardano la progressione a base di cortisone. I sintomi non sono ancora stati individuati con precisione, ma le mani sempre fredde e che cambiano colore, e diventano rosse o blu, possono costituire un campanello di allarme. E’ stata promossa una iniziativa molto importante, un bus itinerante che a partire dal prossimo maggio percorrerà tutta Italia per fare i test per capire se si è in presenza della sclerodermia e diagnosticarla subito in modo da poter iniziare le cure prima possibile.

    Le mani fredde non devono spaventare, perchè possono essere una normalissima reazione al freddo, in alcuni casi però la causa risiede nella sclerodermia. Per capire se si è in presenza di questa malattia si effettua la videocapillaroscopia, un test facile e indolore che dura circa 15 minuti e si fa in tutte le dita perchè nelle fasi iniziali può interessare anche un solo dito.

    Marco Matucci Cerinic, che dirige il Centro Regionale di Riferimento per la Sclerosi Sistemica all’ospedale Careggi di Firenze e coordina l’iniziativa, dichiara: “Nelle piazze i bus saranno a disposizione per tutti i cittadini che sospettano di avere i sintomi della sclerodermia: tipicamente le mani fredde, che si intorpidiscono e cambiano colore diventando bianche, blu, rosse. Il motivo è un attacco di contrazione dei vasi sanguigni scatenato in genere dal freddo, ma anche da fattori emotivi: si chiama fenomeno di Raynaud e nella maggior parte dei casi è del tutto benigno, talvolta però è legato alla sclerodermia“.

    Ci spiega anche come si fa il test, la videocapillaroscopia: “Si poggia una goccia di olio di cedro sul fondo delle unghie e poi attraverso una sonda ottica che invia su un monitor immagini a colori si osservano i capillari. Occorre valutare tutte le dita, perché all’inizio il fenomeno può riguardare anche un solo dito; il test dura circa 15 minuti ed è del tutto indolore, ma molto affidabile per valutare la microcircolazione periferica“.

    Con la capillaroscopia si può vedere se ci sono capillari dilatati, emorragie o anomalie. La sclerodermia è una malattia abbastanza rara in Italia, colpisce circa 25 mila persone con mille nuovi casi ogni anno, dato che però è grave, degenerativa e senza una cura vera e propria, è importante diagnosticarla in tempo e tenerla sin da subito sotto controllo in modo da rallentarla il più possibile.

    Foto da:

    mimulus.files.wordpress.com www.mousehandwarmer.com www.sarahblankstudios.com www.coldmousehand.com www.scleroderma.org briancromer.files.wordpress.com artfiles.art.com www.thethoughtfulbreadcompany.com