Salute del cuore: oggi è la giornata mondiale

Le patologie che colpiscono il cuore sono la prima causa di morte in occidente. Per questo la World Heart Federation ha deciso di dedicare una giornata alla prevenzione.

Pubblicato da Lucrezio.Bove Domenica 26 settembre 2010

Salute del cuore: oggi è la giornata mondiale

Oggi è la Giornata Mondiale del Cuore: un’iniziativa promossa dalla World Heart Federation, al fine di sensibilizzare l’intera popolazione mondiale sull’argomento “salute del cuore”. Le malattie cardiovascolari rappresentano ancora oggi la prima causa di morte nei paesi occidentali. Per questo l’idea di una giornata interamente dedicata all’informazione e alla prevenzione non deve essere sottovalutata. “Io lavoro con il cuore” è lo slogan emblematico scelto per la giornata, che quest’anno ha l’obiettivo di informare i lavoratori di tutto il mondo sui rischi per il cuore annessi all’attività lavorativa.

L’Italia partecipa all’iniziativa grazie alla Fondazione italiana per il Cuore (FIPC), che ha già chiesto alle aziende e alle organizzazioni sindacali di affliggere sulle bacheche il “Salvacuore”: un breve elenco di accorgimenti da prendere sul lavoro per la prevenzione delle patologie a carico del sistema cardiovascolare. ”Da lunedi’ – precisa in una nota la Fondazione – 1.000 aziende sul territorio italiano riceveranno il vademecum. La prima regione coinvolta e’ la Lombardia. I dati del 2008 sugli incidenti sul lavoro segnalavano 1.120 morti in Italia: una cifra in progressiva diminuzione. I decessi per malattie cardiovascolari nel 2009 sono stati 220.159, ben 125.122 sono le donne. Gran parte di queste persone svolgevano un’attivita’ lavorativa”. Dati sconvolgenti che non possono passare inosservati.

Grazie all’iniziativa della Fondazione italiana per il cuore, anche il lavoratore meno attento e informato avrà forse occasione di acquisire gli strumenti di base per salvaguardare la salute del proprio cuore. “Il richiamo – ha spiegato Rodolfo Paoletti, Presidente della FIPC – è un richiamo forte e squillante al singolo individuo e alle aziende a fare il possibile per operare in senso preventivo nei confronti delle malattie cardiovascolari”.