Placche alla gola: tutti i sintomi e i rimedi utili

Le placche in gola sono il risultato di un'infiammazione batterica o virale. Tosse, mal di gola e difficoltà a deglutire sono i sintomi più comuni; per curare velocemente è necessario individuare i sintomi che accompagnano le placche alla gola e intervenire con cure farmacologiche o con efficaci rimedi naturali.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Giovedì 3 febbraio 2011

Placche alla gola: tutti i sintomi e i rimedi utili
Photo by B-D-S Piotr Marcinski/Shutterstock.com

Le placche alla gola sono molto frequenti, colpiscono infatti a tutte le età e in ogni stagione. La principale causa delle placche in gola è da ricercare in un’infezione virale o batterica delle alte vie aeree. Gola infiammata e tonsillite possono manifestarsi indifferentemente in adulti e bambini; anche se questi, specie se molto piccoli, tendono a portare oggetti alla bocca e dunque ad infettarsi con maggiore facilità. Inoltre è bene ricordare che le placche in gola nei bambini sono più frequenti perchè il loro sistema immunitario è più debole e per questo sono più esposti al rischio. Per curare velocemente le placche alla gola è necessario riconoscere i sintomi velocemente e adottare alcuni rimedi efficaci.

Placche alla gola: sintomi

Le placche in gola sono il segno di un’infezione in bocca. Solitamente si presentano nella parte posteriore della gola, sulle tonsille sul palato o nella zona dell’ugola.
Si riconoscono per il colore bianco o giallastro e perchè nella maggior parte dei casi provocano molto dolore nella deglutizione. Infatti le placche alla gola si accompagnano spesso a tonsillite e/o faringite; insomma ad un mal di gola generalizzato. Nonostante la sintomatologia possa essere violenta, non sempre si è in presenza di febbre; i sintomi delle placche in gola sono:

  • Difficoltà a deglutire,
  • Mal di gola,
  • Collo gonfio,
  • Tosse,
  • Dolore alle orecchie,
  • Tonsille arrossate.

Placche alla gola: cure e rimedi naturali

Le cure per le placche alla gola sono diverse e vanno scelte valutando la causa scatenante.
Nella maggior parte dei casi l’origine è batterica e si tratta di streptococco. Il medico coscienzioso dovrebbe suggerirvi un tampone faringeo per la corretta diagnosi. Solo in seguito si potrà procedere con l’eventuale terapia a base di antibiotici.In presenza di febbre alta come sapete si può assumere il paracetamolo (o in alternativa l‘ibuprofene), che ha anche proprietà analgesiche. Ma attenzione a non superare le dosi consigliate, può essere pericoloso per il fegato. Ricordate che i medicinali anche se si vendono senza prescrizione medica, possono avere sempre degli effetti collaterali.

Cure naturali

Se la causa è virale, invece, è più opportuno lasciare che il tutto passi da sé e ricorrere eventualmente a rimedi naturali che possano alleviare il dolore.
Pertanto i sintomi più fastidiosi possono però essere trattati con la medicina omeopatica. Se cercate un rimedio naturale per prevenire o curare un mal di gola legato a stati influenzali, vi rimandiamo ai nostri consigli relativi all’assunzione dell’oscillococcinum.
Per curare le placche in gola sono ottime anche le tisane di salvia,  ricche di proprietà antinfiammatorie.
Un altro rimedio naturale efficace per alleviare il fastidio delle placche alla gola consiste nel fare gargarismi con succo di limone o con aceto di mele.
I bambini avranno difficoltà a mangiare e bere, per questo si potrà alleggerire il dolore con i tradizionali rimedi della nonna, primo fra tutti un caldo latte e miele.
L’importante è  non toccare  le placche di pus con cotton fioc o similari, nel tentativo di romperle ed eliminarle prima del tempo; oltre ad essere pericoloso, può diffondere ulteriormente l’infezione.