Pelle secca in inverno: le cause, e qualche rimedio

La pelle secca in inverno, a causa di freddo e smog, può essere un problema. Purtroppo è un inestetismo alquanto evidente ad occhio nudo, che si caratterizza per la cute sottile, screpolata, poco elastica, rugosa e avvizzita. I rimedi per contrastare questo disturbo, però, sono davvero numerosi e tutti efficaci. Sia quelli naturali che non, hanno come unico obiettivo la reidratazione profonda della cute.

Pubblicato da Redazione Lunedì 10 dicembre 2018

Pelle secca in inverno: le cause, e qualche rimedio
Foto di Piotr Krzeslak | Shutterstock.com

Nonostante sia una naturale barriera contro brufoli e punti neri, la pelle secca, in inverno specialmente, può favorire la comparsa di rughe ed altri inestetismi. Senza parlare del prurito. Le cause sono molteplici e dunque diversi sono i rimedi, cosmetici e naturali, con cui poter intervenire. Scopriamoli insieme.

Pelle secca: cause possibili

Soprattutto in inverno, la pelle può apparire poco elastica, screpolata, disidratata e irritata. In genere, la causa di una pelle del viso secca è l’idratazione inadeguata e, quindi, un basso contenuto di acqua nello strato superficiale dell’epidermide.
A livello fisiologico, il problema risiede nella vasocostrizione del flusso sanguigno, che provoca un rallentamento dei normali processi rigenerativi, come la produzione del film idro-lipidico capace di trattenere l’acqua.
Le cause di questo mancato processo possono essere molteplici, perché subordinate a fattori genetici, climatici, fisiologici e anche patologici. Ecco di seguito le principali cause della pelle secca:

  • esposizione a vento e freddo
  • sbalzi di temperatura
  • sudorazione ed eccessiva esposizione ai raggi UV
  • lavaggi frequenti
  • utilizzo di saponi e cosmetici aggressivi o non adatti al tipo di pelle
  • bere poca acqua durante il giorno
  • carenze vitaminiche

Una pelle molto secca può comparire anche in seguito ad alcune malattie, causate dal malfunzionamento della tiroide o semplicemente in caso di dermatite atopica o psoriasi.
Anche l’uso di determinati farmaci, come il cortisone o farmaci chemioterapici, può provocare secchezza cutanea.
Non è poi da sottovalutare il fatto che la cute tendente al secco dipende anche e soprattutto da fattori ereditari, genetici.
Infine, l’aggravante è rappresentata dall’età, infatti neonati e anziani hanno la pelle normalmente più secca, poiché entrambi presentano una cute più sottile.

I rimedi più efficaci

Per idratare la pelle secca è buona norma eliminare l’uso di detergenti aggressivi, sostituendoli con prodotti naturali idratanti, e limitare i lavaggi poiché l’acqua ha la capacità di eliminare lo strato lipidico che dona la giusta idratazione alla pelle.
I principali rimedi per contrastare la pelle secca si basano comunque su una certa attenzione nella cura della propria pelle, attraverso un adeguato nutrimento, sia fuori che dentro. Vediamo quali prodotti e creme possono venirci in soccorso adeguatamente.

Prodotti cosmetici: le creme per pelle secca

Oltre a antiestetiche screpolature, sul viso e intorno al naso, la secchezza cutanea può provocare un fastidioso prurito: su gambe e avambracci in primis, che sono le zone più povere di ghiandole sebacee.
Per questo motivo può essere necessario affidarsi a rimedi mirati alla zona del corpo interessata, facilmente rintracciabili in farmacia, in erboristeria o in profumeria, anche se il principale consiglio è quello di rivolgersi prima ad un dermatologo, soprattutto se il prurito è continuo e fastidioso.
In genere, i prodotti maggiormente prescritti sono specifiche creme ad azione altamente idratante e lenitiva, in grado di regolare il film idro-lipidico della pelle. Quando acquistate una crema per lenire il disturbo della pelle che tira, potete fare attenzione al fatto che contengano polietilenglicoli, un parolone che denota semplicemente la capacità della crema non tanto di compensare la disidratazione cutanea, quanto di trattenervi all’interno la quantità d’acqua necessaria a tenerla morbida e idratata, che senza queste sostanze semplicemente evaporerebbe.

Rimedi fai da te: oli, maschere, sieri

In commercio esistono veramente tanti buoni prodotti utili per curare i problemi di secchezza di viso e corpo. Tuttavia, spesso si tratta di cosmetici con formulazioni variamente aggressiv, a volte troppo per alcuni tipi di pelle. Basterà allora aprire la dispensa della cucina per fare in casa ottime maschere naturali, con ingredienti semplici e sicuri.

Oli vegetali da massaggiare su viso e corpo

L’olio di cocco è un ottimo alleato contro la pelle secca perché ha un alto potere idratante per pelle e capelli, così come l’olio di Argan, il burro di karitè e l’olio extravergine d’oliva. Basterà applicarne la giusta quantità sulla pelle e massaggiare fino al completo assorbimento del prodotto.

Maschera con miele e yogurt

Tra i rimedi della nonna per la pelle secca, invece, un posto di eccellenza se lo prende il miele, che aiuta a ridurre la secchezza e a evitare che la pelle si spelli o si screpoli. Anche in questo caso il miele potrà essere applicato sul viso come una maschera, tenuto in posa per 30 minuti e risciacquato con abbondate acqua tiepida.
Le stesse proprietà sono state osservate anche nello yogurt, il quale si presta come ingrediente, insieme al miele, per la creazione di una crema viso di facile stendibilità.

Siero rigenerante alla rosa canina

Il siero è un prodotto altamente rigenerante per la pelle secca perché potenzia l’effetto idratante. E’ un prodotto che in genere costa molto, quindi potete prepararvene uno da sole con ingredienti naturali.
Per idratare e riparare la pelle del viso che tende a squamarsi e a presentare rughe, si possono aggiungere, in un contenitore chiuso ermeticamente, 60 g di olio di cocco a 15 g di olio di rosa canina. Dopo aver agitato il composto si può applicare su tutto il viso o dove ce n’è più bisogno sia la mattina che la sera.

Scrub delicato zucchero e yogurt

Una volta a settimana è possibile effettuare un’esfoliazione leggera del viso interessato da secchezza, con uno scrub preparato con un cucchiaio di yogurt bianco intero a cui aggiungere due cucchiai di zucchero fine.
Amalgamando il composto si dovrà ottenere una sostanza abbastanza densa da spalmare delicatamente sulla pelle secca, senza insistere esageratamente per non irritare la cute.

Semplici accortezze quotidiane che idratano la pelle

Per prevenire o curare la pelle secca è anche importante seguire alcune regole che molto spesso dimentichiamo, nonostante siano alla base della salute cutanea e generale. Quindi per evitare che la pelle in inverno si screpoli, è bene fare attenzione a:

  • non prendere il sole senza un’adeguata protezione solare (sì, SPF anche in inverno)
  • lavare il viso mattina e sera con abbondante acqua tiepida
  • solo una volta alla settimana eseguire uno scrub delicato
  • non utilizzare prodotti alcolici ed eccessivamente schiumogeni sulla pelle (scegliete le creme lavanti al posto della saponetta)
  • non strofinare la pelle energeticamente con l’asciugamano ma tamponarla
  • umidificare l’ambiente domestico e lavorativo
  • non usare cosmetici aggressivi e di scarsa qualità che ostruiscano i pori
  • massaggiare sempre le creme emollienti con movimenti circolari per favorire l’assorbimento
  • eliminare lo stress e le tensioni emotive

Alimentazione e pelle secca

Per contrastare l’antiestetica secchezza della pelle del viso, è opportuno seguire una specifica alimentazione. Come abbiamo già visto, la cute riflette la carenza di determinati nutrienti nell’organismo, soprattutto di vitamine e acqua.
Per ridare tono alla pelle, quindi, è importante mangiare quegli alimenti ricchi di tali sostanze e poveri di grassi. Questi ultimi, infatti, possono essere tra le cause della pelle secca.
Pertanto, può essere prezioso il contributo dato dal giornaliero consumo di frutta e verdura, in particolare quelli ricchi di sostanze antiossidanti, come le Vitamine A ed E. Ma non bisogna certo dimenticare di assumere i grassi buoni, cioè gli omega 3, presenti per esempio in noci, mandorle e olio di semi di lino, senza però eccedere nelle quantità.
In ultimo, è necessario ricordarsi giorno dopo giorno di bere molta acqua, almeno 8 bicchieri, cercando di superare i due litri anche d’inverno, nonostante il corpo non li richieda. La pelle ne trarrà beneficio già dopo la prima settimana. Vediamo però nello specifico cosa è meglio inserire nella propria alimentazione e cosa evitare.

Cosa mangiareCosa evitare
Cereali integraliCibi fritti
AgrumiFormaggi
CetrioloPanna e burro
PomodoriSalumi
FinocchiInsaccati, salsiccia
KiwiLegumi e verdure in scatola
SpinaciAlimenti con glutammato di sodio
LattugaAvocado
MeleTuorlo d’uovo
Frutta secca a guscioAlcolici

Pelle secca in gravidanza

La pelle secca in gravidanza è quasi una costante a causa di fisiologici cambiamenti ormonali (non a caso anche chi ha la pelle grassa durante la gestazione può avere dei miglioramenti).
Onde evitare che si formino smagliature, è necessario idratare costantemente la pelle, essenzialmente con prodotti naturali. In commercio, esistono numerosi prodotti, ma il più apprezzato è sicuramente l’olio di mandorle. Al naturale non ha un odore che risulta piacevole a tutti, ma si può trovare anche abbinato ad altre sostanze idratanti ed emollienti dal profumo più gradevole.