Papilloma virus, positiva anche Catherine Zeta-Jones

Catherine Zeta-Jones durante alcuni controlli di routine ha scoperto di essere positiva al virus dell’Hpv. Che come sapete può provocare un cancro del collo dell’utero.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Martedì 14 settembre 2010

Non è ancora passato il clamore del tumore alla gola di Michael Douglas che si è passati subito ad analizzare la salute della sua splendida moglie Catherine Zeta-Jones. E’ infatti risultata positiva al Papilloma virus (o virus Hpv), responsabile, se non tenuto sotto controllo, di provocare un cancro della cervice uterina. Di recente la splendida attrice, si era lamentata per la scarsa precocità nella diagnosi di tumore al marito. Da tempo infatti l’uomo lamentava male alla gola, ma solo tardivamente, ad uno stadio avanzato della malattia era stato sottoposto ai dovuti accertamenti.

Forse proprio per questo motivo la Zeta-Jones avrà deciso di sottoporsi a degli esami di routine, compresi quelli tipici delle donne. Magari avrà fatto un semplice pap-test, proprio come vi suggerivamo noi pochi giorni fa.

I fatti sono stati raccontati da un amico della coppia al Daily Express, che avrebbe tenuto a specificare: ”Catherine è preoccupatissima per il marito e tutte le sue energie in questo momento sono per lui ed i suoi bambini, anche se vive il rischio di un tumore al collo dell’utero come un incubo”.

La splendida donna dovrà sottoporsi a cure e controlli, ma nel frattempo rimane al capezzale di Michael che nelle prossime settimane dovrà sottoporsi a radio e chemioterapia.

Douglas ha avuto un grande coraggio e vive la sua malattia con ottimismo: ha rivelato le sue condizioni di salute nel corso di uno show televisivo della Cbs, durante la presentazione del suo ultimo film. “Ho l’80% delle possibilità di guarigione!” ha affermato.

Con queste parole, un personaggio pubblico come lui può aiutare molte persone con la sua stessa malattia. Catherine con il suo controllo routinario ha fatto altrettanto, dimostrando l’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce.