Ospedali: aperte 16 ludoteche permanenti

Gli ospedali oltre ad essere un posto in cui una persona viene curata, è anche un posto in cui un malato si trova a vivere per un periodo di tempo più o meno lungo. Nell'ultimo anno sono state aperte delle ludoteche permanenti in 16 ospedali, non sono molti ma è certamente un buon punto di partenza.

Pubblicato da Serena Vasta Sabato 30 gennaio 2010

Ospedali: aperte 16 ludoteche permanenti

Gli ospedali oltre ad essere un posto in cui una persona viene curata, è anche un posto in cui un malato si trova a vivere per un periodo di tempo più o meno lungo. Un adulto riesce a scindere la struttura ospedaliera dalla propria casa, un bambino, soprattutto se ricoverato per lunghi periodi, ha bisogno di sentirsi a casa, di poter giocare e svagarsi. Il reparto pediatria degli ospedali è sempre più bello e allegro rispetto agli altri reparti, vuoi per la magia, vuoi perchè ci sono la speranza e l’inconsapevolezza dei bambini, ma in ogni caso ci sono tanti progetti per arricchire questi reparti. Nell’ultimo anno sono state aperte delle ludoteche permanenti in 16 ospedali, non sono molti ma è certamente un buon punto di partenza.

Il Ministero delle pari opportunità, Mara Carfagna, ha dato un valido aiuto agli ospedali italiani, attraverso la presentazione dei progetti finanziati dal Dipartimento del dicastero per la realizzazione della clownterapia negli ospedali italiani.

Mara Carfagna ha dichiarato: “La decisione rientra in un progetto molto ampio che mira ad avere ospedali sempre più a misura di bambino. Volevamo che ogni ospedale avesse una ludoteca e siamo riusciti ad avviarne 16 permanenti“.

In collaborazione con l’associazione Happy Family in questi ospedali è stato creato uno spazio allegro e colorato in cui i bambini possono giocare, lavagne, gessetti, computer, accompagnati dai genitori e dai volontari questi bambini avranno la grande opportunità di dimenticarsi di essere malati e essere quello che semplicemente sono, bambini!

Foto da:
www.themotherhood.com