Obesità: le donne americane non la percepiscono

Il 25 % delle done americane in sovrappeso non ne ha la percezione: è il risultato di uno studio condotto dall'università del Texas e che pone l'accento sui rischi cardiovascolari.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Giovedì 25 novembre 2010

Obesità: le donne americane non la percepiscono

L’obesità è un problema serio, lo abbiamo detto più volte: una patologia che può portarne altre, come l’ipertensione, rischio cardiovascolare o diabete di tipo 2, tanto che di recente è stato coniato un nuovo termine, diabesity o per dirla all’italiana diabesità. Eppure non tutti se ne rendono conto. Soprattutto noi italiane consideriamo il sovrappeso una questione per lo più estetica: ben venga se ci aiuta a mantenere la linea con una dieta equilibrata, ma occorre maggiore responsabilità! Le americane però sono messe peggio di noi.

Ovvero non si rendono neppure conto dei chili di troppo che hanno. Non è la prima volta che si parla di questa mancanza di percezione dell’obesità da parte delle donne americane. Stavolta la conferma arriva da uno studio realizzato presso l’Università del Texas, e pubblicato sulla rivista scientifica “Obstetrics and Gynaecology”: sono state prese in esame ben 2000 donne e tra quelle in sovrappeso, il 25% riteneva di pesare il giusto o addirittura di dover metter su qualche chiletto! Di contro, è risultato che le signore normopeso, si vedono troppo grasse, nel 16% dei casi: cifre decisamente minori. Ma per quale motivo è importante capire e sottolineare questi giochi della mente?

Ovviamente la psiche gioca un ruolo determinante nel rapporto con il cibo: è storia lunga e conosciuta, ma in questo contesto, i ricercatori hanno evidenziato come la mancata percezione dell’obesità sia pericolosa per la salute delle donne. “Le persone in sovrappeso che non riconoscono di essere tali sono molto meno propense a seguire una dieta bilanciata e a fare movimento fisico rischiando quindi numerose patologie legate all’obesità” ha spiegato il principale autore della ricerca Abbey Berenson, tra i principali autori dello studio.

Il cibo e quindi il peso, per noi donne sono molto importanti anche per la prevenzione dei disturbi legati agli anni che passano. Pensiamo ad esempio all’osteoporosi. La nostra alimentazione dovrebbe essere quanto mai sana ed equilibrata, abbinata ad un discreto movimento, anche e soprattutto se si vuole dimagrire. Allora cosa fare? Rivolgersi ad uno specialista di sicuro, e prendere consapevolezza del proprio corpo dal punto di vista della salute. In più potrete cominciare a seguire qualche consiglio sul nostro blog dedicato alla dieta.