Non vedenti: un percorso hi-tech al Gemelli di Roma

da , il

    Non vedenti: un percorso hi-tech al Gemelli di Roma

    Sono più di 1000 ogni anno gli utenti che si rivolgono all’Istituto di Oftalmologia presso il Policlinico A. Gemelli di Roma: si tratta di ciechi ed ipovedenti che da pochi giorni hanno a disposizione un importante strumento di autonomia per recarsi a fare terapie e controlli. E’ stato infatti inaugurato un percorso altamente tecnologico, capace di indicare loro attraverso una voce sintetica, la strada giusta per raggiungere il proprio ambulatorio. Ci piacciono questi gioielli della tecnologia che aiutano a gestire malattie e disabilità! Si tratta di 500 metri (dall’entrata al reparto) di pavimentazione dotata di sensori che inviano segnali ad un bastone elettronico con cui il non vedente si accompagnerà.

    Attraverso questo saranno inviati i messaggi vocali al cellulare con auricolare, in possesso dello stesso paziente. Il tutto via bluetooth.

    E’ il primo ospedale italiano a dotarsi di un percorso di questo tipo, ma è soprattutto un gesto di grande civiltà: abbattere le barriere in un luogo di cura e terapia.

    La strumentazione tecnologica è frutto di una lunga ed importante ricerca sostenuta dall’Unione italiana Ciechi e realizzata con il Joint Research Centre della Commissione Europea.

    All’interno della struttura ospedaliera è presente il Polo Nazionale di Servizi e Ricerca per la prevenzione della cecità e la riabilitazione visiva degli ipovedenti, voluto e realizzato dall’Agenzia internazionale IAPB Italia onlus in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore e il Ministero della Salute.

    In tutto in Italia secondo i dati Istat, ci sono circa 362.000 non vedenti ed un popolo estremamente numeroso (se ne stima circa un milione e mezzo di persone) di ipovedenti, cioè di coloro che vedono poco ed hanno dunque spesso bisogno di un ausilio, un supporto, per svolgere anche le funzioni più semplici, come recarsi a fare una visita oculistica.

    Ora con il percorso Vettore Evolution (questo il nome) ed il sistema brevettato Sesamonet, tutto sarà più semplice. Almeno al Policlinico Gemelli. Non trovate amiche che dopo tante notizie di malasanità sia bello leggere anche notizie come questa?