Laringite nei bambini: sintomi e rimedi

da , il

    Laringite nei bambini: sintomi e rimedi

    La laringite è un’infiammazione della laringe: può essere di origine batterica o virale, oppure derivare da un cattivo uso della voce. Colpisce con maggiore frequenza i lattanti e i bambini piccoli, dai due ai cinque anni di vita ed è tanto più grave quanto più piccolo è il bambino. La prevalenza della laringite nella prima infanzia è dovuta alla maggiore ristrettezza delle vie aeree e alla predisposizione del bambino verso i fenomeni di “spasmo” dei muscoli laringei. Molto spesso la laringite insorge durante un episodio influenzale e si manifesta all’improvviso, con voce rauca e afona, tosse abbaiante, febbre.

    Nei casi gravi si stabilisce una insufficienza respiratoria acuta, conseguente al restringimento del laringe. Altri sintomi che si manifestano sono pallore, cianosi e il bambino assume la posizione seduta per facilitare la respirazione. E’ ansioso e ha “fame d’aria”.

    Nelle forme di laringite benigna, in attesa del pediatra, la mamma potrà iniziare la cura sottoponendo il bambino a delle inalazioni di vapore d’acqua o, meglio , a un aerosol di semplice acqua bollita con aggiunta di bicarbonato. Se il bambino è troppo piccolo per i suffumigi o per l’aerosol, umidificare l’ambiente con una pentola di acqua in ebollizione. Occorre poi mantenere il bambino a letto in posizione seduta, appoggiato su diversi cuscini. Se compaiono difficoltà respiratorie non attendere l’arrivo del pediatra, ma portare subito il piccolo in ospedale. Le emergenze respiratorie laringee purtroppo insorgono quasi sempre durante la notte.

    Un bambino che ha sofferto di laringite acuta con laringospasmo purtroppo è facilmente soggetto alle ricadute. La tendenza al langospasmo, infatti, è caratteristica di alcuni bambini, particolarmente predisposti a questi episodi, legati, oltre che alla infiammazione acuta del laringe, ad una costrizione nervosa, labile, spasmofilia. Se è il caso chiedete al pediatra di prescrivere una o due fiale di preparato cortisonico iniettabile per via intramuscolare, da tenere sempre nell’armadietto dei medicinali e da utilizzare solo in caso di necessità.