L’obesità è in aumento anche perché si consuma meno frutta: parola di Coldiretti

A quattro giorni dall'Obesity day, giornata di sensibilizzazione nazionale sul sovrappeso ed i danni alla salute correlati, la Coldiretti spiega che nelle famiglie italiane l'acquisto di frutta e verdura (poche calorie e tanti nutrienti preziosi) è diminuito del 22%.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Giovedì 6 ottobre 2011

L’obesità è in aumento anche perché si consuma meno frutta: parola di Coldiretti

Il 10 ottobre si celebrerà nuovamente l’Obesity day, una giornata di sensibilizzazione sui problemi e le patologie legate all’eccesso di peso. I dati sull’alimentazione degli italiani presentati dalla Fondazione ADI (Associazione Italiana Dietetica e nutrizione clinica) in occasione dell’evento, parlano chiaro: il 46% della popolazione è in sovrappeso o obeso, soprattutto a causa della eccessiva ed errata alimentazione, povera di elementi determinanti sotto il profilo nutrizionale come la frutta e la verdura. La Coldiretti ha dunque fatto notare un dato direttamente proporzionale: in 10 anni l’acquisto di frutta e verdura nelle famiglie italiane è diminuito del 22%!

La colpa è forse dell’aumento dei prezzi e della cattiva gestione della filiera, ma a parer nostro quello che deficita maggiormente è la cattiva educazione alimentare, il non conoscere il giusto apporto calorico necessario o l’importanza dei vari alimenti in una dieta sana ed equilibrata. Frutta e verdura, ricche di vitamine e Sali minerali aiutano anche a stare meglio i più magri. Riflettiamo quando andiamo a fare la spesa.