Kefir, cos’è, come si fa e come si beve

Il kefir è una bevanda tipica delle regioni del Caucaso, della quale recentemente si sono scoperte le proprietà benefiche: aiuta il sistema immunitario, la regolarità intestinale ed è ricca di vitamina B. Esiste in due versioni, con l'acqua e con il latte. Scopriamo tutto quello che c'è da sapere su questo magico alimento

da , il

    Kefir, cos’è, come si fa e come si beve

    Quando e come consumare il kefir? Ma soprattutto, cos’è il kefir? È una bevanda ottenuta dalla fermentazione del latte e dai granuli di kefir, ricchi di fermenti vivi e lieviti probiotici. È quindi l’ideale per purificare l’organismo, non a caso il suo nome significa in armeno ‘benessere’. Il kefir contiene vitamine B, minerali, proteine, lieviti, calcio e moltissime altre sostanze purificanti, utili per ritrovare la forma e perdere peso. Difatti il calcio combinato con magnesio e vitamine B aiuta a combattere la fame nervosa. Scopriamo quali sono i benefici del Kefir per il nostro organismo.

    Kefir, proprietà e come si beve

    Come premesso, il kefir aiuta a combattere la fame nervosa, aiuta la digestione, combatte la stitichezza, favorisce l’equilibrio intestinale a tutto beneficio della dieta dimagrante. Pur sembrando uno yogurt non lo è, si tratta invece di un probiotico disintossicante, che può essere consumato anche da chi è intollerante al lattosio.

    Viene prodotto dalla fermentazione del latte di capra, vacca o pecora. Non è vero che il latte di kefir fa gonfiare la pancia, semmai aiuta la digestione e favorisce il lavoro intestinale, riportando l’organismo all’equilibrio. Il latte di kefir in commercio è disponibile a buon prezzo ma ha generalmente un sapore acidulo, che può essere corretto aggiungendo del frullato di frutta o dei fiocchi d’avena. Come assumerlo? Possiamo berlo al naturale, liquido in un bicchiere, come una fresca bevanda, se invece vi è rimasto un po’ più denso potete consumarlo come se fosse uno yogurt, magari con l’aggiunta di qualche frutto di stagione. Dove trovare i granuli di kefir? I granuli di kefir possono essere ritirati da distributori gratuiti che potrete trovare su internet. Il gruppo Facebook Kefir Italia, ad esempio, permette una geolocalizzazione del donatore in base alla città.

    Quando bere il kefir

    Come si beve il latte di kefir? Lo si può bere già pronto senza aggiunte oppure arricchirlo con fiocchi d’avena, frutta secca o frullati di frutta fresca. Una volta al giorno è l’ideale se si sta seguendo una dieta. Se non lo si compra, è possibile prepararlo in casa grazie ai preparati disponibili in erboristeria o in farmacia, seguendo le istruzioni per quanto riguarda le tempistiche di fermentazione e il luogo di conservazione. E’ importante ricordarsi di non chiudere il tappo ermeticamente perché non permette all’anidride carbonica di uscire. In via generale si può consumare il kefir 1-2 volte al giorno. La quantità ideale è di 100-120 gr se è prodotto con latte animale mentre se è fatto con latte vegetale si possono bere anche 2-3 bicchieri al giorno. Si tratta ovviamente di quantità approssimative, l’importante è non eccedere perché è pur sempre un alimento fermentato.

    Kefir di latte o kefir d’acqua: quale scegliere e come si preparano?

    kefir di latte

    Esistono diversi tipi di kefir, quello di latte. che deriva dalla fermentazione dei probiotici del latte e quello all’acqua, adatto ad esempio a chi segue una dieta vegana. Anche la versione con il latte può essere adatta ai vegani se venisse sostituito il latte vaccino con quello vegetale di soia o di riso, può essere fatto anche con l’acqua, ovviamente però in questi due ultimi casi si perderebbero i benefici della vitamina B12 che comune è derivante da quella che proviene dal latte. Fatte le dovute premesse, adesso capiamo come preparare queste due bevande rinfrescanti e dai mille benefici. Come vedrete sono davvero due semplici ricette alla portata di chiunque.

    Come si prepara il kefir d’acqua o di latte

    Partiamo dagli accessori: un contenitore di vetro da un litro, possibilmente di vetro scuro visto che poi dovrà riposare al riparo dalla luce. Come primo ingrediente 3 cucchiai di fermenti di kefir d’acqua, due cucchiai di zucchero, due fichi secchi e mezzo limone bio. Potete aggiungere anche della frutta secca a piacere. Nel litro d’acqua inserite tutto gli ingredienti, mescolate e coprite il tutto con un tappo. Lasciate fermentare 48 ore ma mescolate gli ingredienti dopo 24 ore. Terminate le 48 ore filtrate tutto con un colino e tenete il kefir in frigo fino a quando sarà finito. Nella versione con il latte vaccino o vegetale, il procedimento è lo stesso, solo che al posto dell’acqua ci sarà il latte.

    Foto di Stephanie Frey/Shutterstock.com