Invecchiare in salute: esperti a confronto

Invecchiare in salute si può. Ma è necessario stabilire una serie di azioni preventive, a livello personale, istituzionale e medico-scientifico. Gli esperti si confrontano.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Lunedì 17 maggio 2010

Invecchiare in salute: esperti a confronto

E’ possibile invecchiare in salute? E se si come? Quante volte ve lo siete chiesto care amiche, considerata la longevità femminile?
Ma cosa consigliano gli specialisti? E’ vero che tutto è nelle nostre mani. Una buona prevenzione e tutto sarà più facile. Certo è che anche le istituzioni pubbliche devono aiutarci. Come? Sono alcuni dei temi che verranno affrontati il prossimo 7 ed 8 Giugno presso l’Aula Magna del Cnr in P.le Aldo Moro a Roma. “L’invecchiamento e la salute” Prevenzione, cure, tecnologie, servizi programmi e progetti a beneficio di anziani e longevi: questo il titolo del Workshop promosso dal giornale Telemeditalia che si avvale del patrocinio dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Salute, del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e di altre istituzioni regionali e locali.


Pensate che oggi in Italia si vive in media 80 anni: 83 le donne e 78 gli uomini. La speranza di vita in salute però si riduce a 50 anni. Questo significa passare circa un trentennio in preda a disturbi più o meno gravi. Non è una bella prospettiva! L’obiettivo dell’incontro è quello di assumere una visione d’insieme, delle patologie, ma anche degli aspetti sociali ed economici che accompagnano l’anziano.

I vari esperti faranno il punto della situazione riguardo numerosi argomenti: la solitudine e la depressione nei nostri nonni e nelle nostre nonne, l’alimentazione ed i suoi importanti riflessi sulla salute, ma anche il fitness e la medicina estetica, perché no? Anche in questi casi, signore mie, abbiamo un bel da fare nello scegliere i giusti alimenti da comprare e cucinare. Ma tra il lavoro, la casa, la spesa, i figli ed il lavoro, tempo per il fitness ce ne rimane poco. Almeno riconsoliamoci con i ritocchini! Senza dimenticare la prevenzione cardiovascolare, che per noi donne, dopo la menopausa assume un’importanza vitale.

E ancora: il ruolo dei medici di famiglia, l’uso e l’abuso dei farmaci, le medicine non convenzionali, l’agopuntura ed i prodotti fitoterapici. Inoltre avranno grande rilievo in queste giornate di studio, le gerontotecnologie, cioè quelle tecnologie sanitarie ed assistenziali studiate e create appositamente per i nostri nonni e le nostre nonne. Si parlerà anche di domotica e della possibilità di creare una casa confortevole e sicura; di robotica, dalle applicazioni diagnostico-terapeutiche a quelle “di servizio” per l’assistenza e per l’autonomia funzionale, ma soprattutto si farà il punto sulla telemedicina quale strumento di terapia e controllo a distanza.

Alla fine dei lavori verrà proposta la costituzione di un Osservatorio Permanente sulla condizione dell’anziano, che possa seguire e monitorare i vari aspetti di tale condizione e soprattutto indicare concreti progetti e soluzioni. La partecipazione al Workshop è gratuita ed aperta a tutti. Basta iscriversi seguendo le informazioni sul sito del giornale.

Foto da:
Telemeditalia.it