Influenza stagionale: la dieta per la prevenzione

La prevenzione dell'influenza stagionale inizia a tavola! Ecco i consigli alimentari degli esperti del Policlinico San Matteo di Pavia.

Pubblicato da Lucrezio.Bove Giovedì 4 novembre 2010

Influenza stagionale: la dieta per la prevenzione

Mai come per l’influenza stagionale vale il motto “meglio prevenire che curare” e, come molte di voi già sapranno, la prevenzione inizia a tavola! Ma nello specifico quali alimenti dobbiamo prediligere per evitare di ammalarci? Gli specialisti del Policlinico San Matteo di Pavia lanciano l’idea di dieta “scudo”: un regime alimentare che permette di giocare in anticipo contro i fastidiosissimi virus stagionali.

Gli alimenti consigliati dagli esperti proteggono grazie all’alto contenuto di betacarotene e vitamine C ed E. In particolare, dobbiamo mangiare tanta frutta fresca, tanta frutta secca e tanta verdura: kiwi, ananas, agrumi, frutti di bosco, mandorle, noci, semi di girasole, zucche e zucchine sono alimenti che si fregiano di un’importante funzione preventiva. Vanno consumati regolarmente anche pomodori, peperoni, patate, barbabietole rosse, spinaci, broccoli, cime di rape e prezzemolo. Tra i tanti prodotti consigliati dagli esperti del San Matteo, figura anche un classico rimedio della nonna: il latte con il miele.

Indipendentemente dalle nostre scelte alimentari, però, spesso capita di imbattersi in un virus e non avere le difese immunitarie per eliminarlo prima della comparsa dei sintomi. Cosa fare per evitare che ciò accada? Basta seguire i consigli degli esperti: “Lavarsi spesso le mani o frizionarle con gel alcolico, gettare i fazzoletti dopo l’uso, coprire il naso e la bocca quando si starnutisce o si tossisce, tenersi un po’ più isolati dal resto della famiglia quando ci si ammala, non condividere con altri i propri oggetti personali”. Buona prevenzione a tutti!