Infarto: si previene con i cereali integrali

Secondo una ricerca condotta recentemente in Gran Bretagna, consumare regolarmente 3 porzioni di cereali integrali al giorno è il modo migliore per far calare l'ipertensione e prevenire l'infarto.

Pubblicato da Tiziana Lunedì 13 dicembre 2010

Infarto: si previene con i cereali integrali

Contro l’infarto, i cereali integrali agiscono come dei farmaci naturali, riducendo la pressione sistolica. L’infarto e l’ictus, infatti, assieme alle altre patologie cardiovascolari rappresentano la prima causa di morte nel mondo. Inoltre, il rischio di essere colpiti da infarto, aumenta per le donne in carriera, continuamente sottoposte a forte stress, che devono fare i conti con il doppio impegno con il lavoro e la famiglia. Ma sembra che i cereali integrali, siano in grado di far abbassare la pressione sanguigna e di prevenire i problemi correlati come infarto ed ictus.

A sostenerlo è una ricerca codotta in Gran Bretagna dall’University of Aberdeen diretta dal dottor Frank Thies. Il team di studiosi ha preso in esame un gruppo di 220 volontari, che sono stati suddivisi ulteriormente in 2 gruppi.

Il primo ha seguito una dieta a base di cereali integrali nella misura di 3 porzioni al giorno, mentre il secondo (il gruppo di controllo) no. Quando si parla di una porzione di cereali si intende una dose di 13-16 grammi, che corrisponde a mezza tazza di avena o riso integrale o di una fetta sottile di pane integrale.

I risultati dell’esperimento hanno dimostrato come il primo gruppo, che aveva seguito per tutto il tempo una dieta a base di cereali integrali, avesse riscontrato una diminuzione della pressione sistolica.

Il dottor Thies ha spiegato che:

Questo calo della pressione sanguigna sistolica potrebbe potenzialmente diminuire l’incidenza di infarto e ictus di almeno il 15% e il 25% rispettivamente.

Dunque, la scoperta è molto incoraggiante per chi soffre di ipertensione, una patologia molto diffusa e che uccide ogni anno circa 240mila persone.