Il vaccino omeopatico funziona davvero?

I vaccini omeopatici funzionano? I numeri delle vendite e le soddisfazioni dei consumatori dicono di si. E' questo il momento per iniziare ad esempio la cura preventiva contro l'influenza, ad esempio con l'Oscillococcinum. Ma è bene comprendere anche quanto il rapporto omeopatia e vaccinazioni sia complesso.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Venerdì 9 settembre 2011

Il vaccino omeopatico funziona davvero?
Photo by Bru-n0/Pixabay.com

Il vaccino omeopatico è l’alternativa naturale ai classici vaccini. Ovviamente il cosiddetto vaccino omeopatico funziona in modo diverso e non è una vera e propria vaccinazione. Quando si parla di vaccini omeopatici si fa riferimento all’omeoprofilassi, o profilassi omeopatica; l’utilizzo di rimedi omeopatici per prevenire le malattie infettive. Per sapere se il vaccino omeopatico funziona, quando è consigliato bisogna innanzitutto valutare i sintomi, le risposte personali all’omeopatia e sapere esattamente in cosa differiscono i vaccini omeopatici dalle vaccinazioni allopatiche.

Vaccinazioni ed omeopatia

Il discorso della vaccinazione in omeopatia però non è così semplice. La maggior parte degli omeopati riconosce l’importanza storica oltre che attuale dei vaccini; dunque in caso di categoria a rischio, potrebbero anche suggerire di ricorrere alla prossima vaccinazione antinfluenzale.
Quello che si disconosce però spesso è la necessità di certe vaccinazioni di massa, che alla lunga potrebbero alterare l’equilibrio del sistema immunitario. Inoltre secondo i principi dell’omeopatia, la risposta terapeutica e in questo caso la “profilassi” potrebbe essere diversa. Quindi non vi meravigliate se il vostro omeopata non la pensa come quello della vostra migliore amica.

Vaccino omeopatico e vaccino allopatico: differenze

Per principio ogni medicinale omeopatico sembra avere una funzione di vaccino, perché aiuta l’organismo a contrastare una malattia. Tuttavia il cosiddetto vaccino omeopatico funziona in modo diverso rispetto ai vaccini tradizionali.
In particolare, le vaccinazioni tradizionali o allopatiche si basano su virus/batteri attenuati o morti che vengono inoculati nell’organismo per stimolare una risposta immunitaria all’agente esterno. In questo modo gli anticorpi possano bloccare il contagio o comunque rendere l’infezione meno violenta.
Diversamente, il farmaco omeopatico è basato su dosi infinitesimali di una sostanza che in un paziente sano provocherebbe i medesimi sintomi.

Il vaccino omeopatico funziona?

I medicinali omeopatici usati con questa accezione hanno un grande successo. Da tempo sono utilizzati con soddisfazione da milioni di persone al mondo. Particolarmente d’attualità è l’oscillococcinum, un vaccino omeopatico utilizzato per prevenire gli stati influenzali.
E’ venduto in globuli, da sciogliere sotto la lingua, lontano dai pasti. Se si assume per prevenire l’influenza viene consigliato nel periodo che va da settembre a marzo; diversamente può esser assunto in caso di insorgenza dei primi sintomi.

Se volete sapere quali sono le controindicazioni di questa cura naturale, a chi è sconsigliata e quali sono le dosi consigliate, qui troverete tute le informazioni su come funziona l’oscillococcinum.