Il sonno in più si può conservare, sarà vero?

da , il

    Il sonno in più si può conservare, sarà vero?

    Secondo una recente ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Journal of Sleep Research, il sonno si può conservare, io sinceramente non sono molto convinta, ma lo studio che si è occupato di questa cosa ha dato un esito positivo. Io di due cose ero stra-sicura, numero uno che i pasti saltati non si potessero recuperare e che il sonno perso è perso, a quanto pare però non è così perchè se una notte si dorme si dorme 10 ore e quella successiva solo 4, ci si sveglia tranquilli perchè avevamo delle ore “extra” da spendere… con me però non funziona così, e con voi?

    C’è chi ripete che il sonno perso è perso e c’è chi dice che si può attingere da improbabili scorte di sonno, io sono perplessa ma la ricerca è stata chiara, conviene accumulare ore di sonno, quando è possibile, per “conservarle” e tenerle buone per i momenti in cui ne avremo bisogno, ad esempio quando dovremo lavorare e/o studiare fino a tardi, per quando saremo colpiti dall’insonnia, insomma voi che dite funziona davvero così o è troppo comodo?

    La ricerca è stata condotta su 11 uomini e 13 donne che hanno dormito 9 ore a notte per una settimana e poi la settimana successiva solo 3 ore per notte, secondo i dati raccolti chi aveva fatto scorta di ore di sonno è riuscito ad affrontare bene la giornata anche con un deficit così forte di sonno, riuscendo a gestire bene lo stress da mancanza di sonno.

    Voi che ne pensate, ci credete? Io non mi sarei azzardata manco a fare la volontaria (strapagata) dello studio.

    Foto da:

    i.ehow.com