Ictus: l’ipertiroidismo è fattore di rischio

I giovani adulti affetti da ipertiroidismo hanno il 44% in più delle probabilità di contrarre ictus ischemico, rispetto ai soggetti sani. . Lo ha rivelato uno studio di un'equipe di ricercatori della Taipei Medical University in Taiwan, pubblicato in questi giorni sulla celebre rivista scientifica Stroke.

Pubblicato da Lucrezio.Bove Domenica 4 aprile 2010

Ictus: l’ipertiroidismo è fattore di rischio

I giovani affetti da ipertiroidismo -l’eccesso di ormoni tiroidei nel circolo ematico- sono maggiormente esposti al rischio di ictus ischemico. Lo ha rivelato uno studio di un’equipe di ricercatori della Taipei Medical University in Taiwan, pubblicato in questi giorni sulla celebre rivista scientifica dedicata ai disturbi cerebrovascolari: Stroke. In particolare, i giovani adulti che soffrono di iperattività della tiroide avrebbero ben il 44% delle probabilità in più di essere colpiti dal ictus.

Ai fini della ricerca gli studiosi hanno seguito per 5 anni 3176 soggetti affetti da ipertiroidismo e più di 25000 soggetti sani. Durante il periodo di riferimento, 198 esaminati sono stati colpiti da ictus ischemico: 31 appartenevano al primo gruppo, 167 facevano parte del gruppo dei sani. Insomma, nel primo caso il problema ha interessato ben l’1% del totale, mentre nel gruppo dei sani solo lo 0,6% . Tirando le somme, l’incidenza di ictus ischemico negli ipertiroidei risulta maggiore del 44% rispetto ai soggetti sani.

Il dott. Majaz Moonis della University of Massachussets di Worcester ha detto di non essere sorpreso, perchè era giù nota da tempo la correlazione tra ipertiroidismo e malattie cardiovasccolari, come l’ipertensione e la fibrillazone atriale.

Se le indagini statistiche evidenziano la relazione, non è ancora chiaro perchè gli ipertiroidei siano più esposti alla terribile malattia che colpisce il cervello. In questo senso la strada da fare è ancora lunga: è necessario capire quali siano le cause alla radice del problema per sviluppare nuove terapie di prevenzione.

Foto da:
www.mediterraneandiet.com