Gli italiani curano poco l’igiene dentale, lo conferma un’indagine

da , il

    Gli italiani curano poco l’igiene dentale, lo conferma un’indagine

    L’igiene dentale decisamente non sembra essere la materia preferita dagli italiani. Bocca trascurata, con conseguenze sulla salute dei denti e delle gengive, ecco il poco confortante quadro dipinto da una recente indagine condotta su un campione di 1000 nostri connazionali di età comprese tra i 20 e i 69 anni dalla società Datanalyisis per conto dell’Associazione Igientisti Dentali Italiani (AIDI), e della Professional Oral Health Procter&Gamble. Secondo i dati raccolti, appena un misero 18% di italiani si fa controllare dall’igienista dentale almeno una volta all’anno, ma fa specie il 60% del totale che non ci va MAI.

    Naturalmente questo atteggiamento abbastanza “leggero” nei confronti della propria salute orale ha delle ripercussioni, con un aumento dei casi di carie, di disturbi parodontali (per esempio gengiviti) e anche del problema dell’alitosi. Quest’ultimo è molto legato al consumo di tabacco, poiché il fumo delle sigarette non solo macchia (ingiallendolo) lo smalto dei denti, ma contamina anche l’alito.

    Non a caso, sempre stando alle cifre dell’indagine, il 5% degli intervistati ha proprio deciso di dire stop alle “bionde” dietro consiglio del proprio igienista dentale. A proposito di questa figura professionale, è conosciuta e frequentata dal 40% degli italiani, ma solo il 20% effettua le due visite all’anno che sono consigliate dal Ministero della Salute.

    Tornando alla pratica dell’igiene dentale, seppure le nuove linee guida raccomandino l’uso dello spazzolino elettrico, grazie al quale si può effettuare una pulizia dei denti decisamente più efficace e profonda, una percentuale bulgara pari all’82% continua ad usare il solito spazzolino manuale tradizionale, magari evitando accuratamente di sostituirlo ogni 2 mesi come raccomandato.

    Un altro dato piuttosto indicativo sul rapporto degli italiani con la propria salute dentale è legata alle differenze Nord-Sud, è infatti nel Mezzogiorno che si concentrano gli “allergici” agli igienisti dentali e allo spazzolino elettrico. In ogni modo, se per caso fate parte della categoria dei “trascurati”, non è mai troppo tardi per cambiare rotta!