Fumo passivo: uccide 600mila persone all’anno

Oltre 600mila persone muoiono ogni anno nel mondo a causa del comportamento irresponsabile dei fumatori. E' quanto emerso da una ricerca dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Pubblicato da Lucrezio.Bove Domenica 28 novembre 2010

Fumo passivo: uccide 600mila persone all’anno

Cari fumatori, la prossima volta che deciderete di fumare guardatevi bene intorno e, prima di accendere l’ennesima sigaretta, pensateci due volte: potreste rendervi complici di un omicidio. Il fumo passivo uccide nel mondo oltre 600mila persone ogni anno, 165mila sono bambini con meno di cinque anni di età. Lo ha rivelato una ricerca coordinata da Armando Peruga e Annette Pruss-Ustun, membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ai fini dello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati del 2004 relativi al tasso di mortalità per fumo passivo di 192 paesi nel mondo. I risultati della ricerca, apparsi sulle pagine della rivista Lancet, non lasciano spazio a dubbi: i più colpiti sono senza dubbio i bimbi più piccoli, perché incapaci di sottrarsi dall’esposizione del fumo. A quanto pare, ancora troppi genitori sottovalutano il problema e fumano in casa senza tener conto dei danni che possono provocare alla salute dei loro bambini.

Nel 2004 il 40% dei bambini, il 33% dei non fumatori maschi e il 35% delle donne che non fumano sono state esposte a fumo passivo. Il comportamento irresponsabile dei fumatori ha causato la morte di 379mila non fumatori per ischemia, 165mila per infezioni respiratorie, 36mila per asma oltre 21mila per cancro ai polmoni. Questo significa che l’1% delle morti nel mondo è causato da fumo passivo. E se in Italia è vietato fumare nei locali pubblici, nella maggior parte dei paesi nel mondo il divieto non esiste ancora: a rimetterci sono soprattutto i bambini. Che non sia arrivato il momento di prendere provvedimenti per cambiare le cose?