Fumo: a rischio le donne

da , il

    Fumo: a rischio le donne

    Si è svolta ieri la Giornata Mondiale Senza Tabacco. L’iniziativa, voluta dall’Oms quest’anno si è rivolta alle fumatrici: “Gender and tobacco with an emphasis on marketing to women” – Le strategie di marketing del tabacco rivolte alle donne. Questo il titolo dell’evento internazionale che spiega già molte cose e dovrebbe farci riflettere. Di fatto Le donne costituiscono circa il 20% di oltre un miliardo di fumatori nel mondo. Ma è una cifra destinata ad aumentare: secondo Il nuovo rapporto “Donne e Salute” stilato dalla stessa Oms le pubblicità del tabacco sono sempre più indirizzate alle giovani donne.

    Abbiamo già visto le cifre italiane, ma non abbiamo parlato di quanto noi donne ci ammaliamo. “Le fumatrici muoiono di tumore del polmone e altre malattie legate al fumo come gli uomini – dice Carlo La Vecchia, dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri” di Milano- Le italiane che oggi hanno tra i 40 ed i 60 anni devono assolutamente smettere di fumare. E’ in questa fascia d’età il maggior rischio, oltre che nelle giovanissime che invece non dovrebbero cominciare. Alcune pensano ancora che se rinunciano alla sigaretta aumentano di peso, ma nulla è peggio del fumo per la loro salute”.

    Smettere di fumare non è facile: il 70% degli italiani secondo un’indagine Doxa elaborata dall’ISS ci ha provato senza riuscirci. Ma di contro c’è un 30% di successi, ne abbiamo già parlato. Permettetemi, io ci sono riuscita, da sola. Da 3 anni non fumo e non ne sento neppure più il desiderio.

    L’OSSFAD (l’Osservatorio Fumo Alcol e Droghe dell’Istituto Superiore di Sanità), ha realizzato un elenco online dei centri antifumo attivi in Italia con tutti i servizi disponibili e gli indirizzi per i cittadini. E’ attivo inoltre il Telefono Verde 800 5540 88 contro il Fumo, un servizio nazionale anonimo e gratuito che svolge attività di consulenza.

    No Smoking Be Happy è infine il titolo della mostra multisensoriale ed itinerante organizzata dalla Fondazione Umberto Veronesi. Dedicata alle donne, una galleria a forma di sigaretta all’interno della quale sarà possibile vedere, toccare, annusare, virtualmente, tutto ciò che il fumo provoca all’interno del corpo umano.

    Foto da:

    http://i.telegraph.co.uk