Farmaci dimagranti: ci vuole molta più attenzione!

da , il

    Farmaci dimagranti: ci vuole molta più attenzione!

    I farmaci dimagranti sono dei farmaci a tutti gli effetti e come tali oltre a curare per il problema specifico, in questo caso l’obesità, hanno molti effetti collaterali che non possono e non devono passare in secondo piano. Secondo i dati di una ricerca il 74% dei farmacisti da farmaci dimagranti come se fossero acqua fresca, non hanno bisogno di prescrizione medica e il più delle volte basta solo pagare per averli. Farmaci dimagranti come l’Alli sono certamente utili per perdere peso ma devono essere presi avendo e seguendo determinati parametri.

    I farmaci dimagranti rendono l’intestino meno “assorbente”, questo serve per far assimilare meno grassi ma se non associate ad un indice di massa corporeo consono o ad uno stile di vita controllato si rischiano problemi abbastanza seri.

    Prima di dare questi farmaci i farmacisti sono tenuti a chiedervi il peso, l’altezza, le abitudini alimentari, lo stile di vita ed ovviamente lo stato di salute. Pensate che questi farmaci devono essere assunti con una dieta ipocalorica e povera di grassi, si devono prendere degli integratori vitaminici per recuperare le sostanze che non sono assorbite in modo corretto e che sono necessarie per vivere bene.

    Con un regime controllato e seguite da un medico questo farmaco è utile, ma da sole io lo sconsiglierei, può provocare scariche di diarrea improvvise, infiammazione del pancreas, forti dolori addominali, insomma è un farmaco vero a tutti gli effetti e se promette di perdere un chilo in più ogni due della dieta di certo ha i suoi effetti collaterali da valutare.

    Alli, ed altri farmaci dimagranti sono inseriti dall’Aifa nella categoria Sop (libera vendita, ma divieto di pubblicità) al posto di Otc (libera vendita, con pubblicità).

    Foto da:

    www.xylia.org