Erboristeria: le proprietà della malva

Oggi la nostra rubrica sull'erboristeria si occupa della malva, vediamo quali sono le proprietà benefiche di questo delizioso fiorellino. La malva presenta due forme attive principali che sono le muciliagini e la malvina, ognuna ha caratteristiche diverse, vediamole insieme.

Pubblicato da Serena Vasta Giovedì 10 dicembre 2009

Oggi la nostra rubrica sull’erboristeria si occupa della malva, vediamo quali sono le proprietà benefiche di questo delizioso fiorellino. La malva presenta due forme attive principali che sono le muciliagini e la malvina, ognuna ha caratteristiche diverse, vediamole insieme.

Le mucillagini svolgono un’azione protettiva dell’epitelio, è usata per diminuire l’aggressione sulla mucosa gastrica nei casi di ipersecrezione di acido cloridrico, per limitare e mitigare i sintomi delle coliti e nei casi di colon irritabile.

La malvina ha un’azione che interessa prevalentemente le vie respiratorie, è emolliente e calmante per le tossi, bronchiti, tracheiti e tutte le affezioni alle prime vie respiratorie, inoltre è utile anche per le infezioni alle vie urinarie e per la cistite.

Questa pianta si usa nei casi di gengiviti, stomatiti, tosse, colon irritabile, gastrite e catarro bronchiale.

Foto da:
www.culturaprogetto.it
www.boscarol.com
www.ishots.net
feverishthoughts.com