Erboristeria: le proprietà dell’escoltzia

da , il

    Torna la nostra rubrica sull’erboristeria ed oggi vediamo le proprietà dell’escoltzia, un fiore carino che ha anche un uso ornamentale e che è detto anche papavero della California. E’ stato importato anche da noi e cresce sia in pianura che in collina, presenta molte proprietà interessanti soprattutto per combattere i distrurbi del sonno, sono certa che queso fiorellino sarà gradito a molte delle lettrici di Salute Pour Femme, che come me, sporadicamente o a periodi soffrono di insonnia. Vediamo insieme le proprietà racchiuse in questo bellissimo fiorellino giallo.

    Ai fini erboristici la parte importante dell’escoltzia sono le sommità fiorite che contengono varie sostanze funzionali tra cui la protopina che ha un largo impiego per le sue proprietà rilassanti e distensive.

    L’escoltzia ha un effetto sedativo e analgesico ed è molto utile per combattere insonnia, nervosismo, ansia e stress, inoltre è un coadiuvante contro la depressione ma anche per l’emicrania, gli spasmi da colica e biliari e si rivela utile nei casi di prurito, orticaria e psoriasi.

    L’escoltzia è impiegata come sedativo e come leggero ipnotico. Contro l’insonnia si rivela molto utile soprattutto nei lunghi periodi, infatti dinuisce il tempo necessario per riuscire a prendere sonno, che in certi casi è davvero molto lungo, con tutto lo stress che questo comporta oltre che ovviamente le occhiaie.

    Questa pianta è utile anche nei casi di insonnia che insorgono nella seconda parte del sonno, cioè quando ci si sveglia e non si riesce più a prendere sonno.

    Altre piante utili per l’insonnia sono:

    Foto da:

    erboristeria.guidaconsumatore.com www.pollicegreen.com upload.wikimedia.org www.sports-sante.com www.flickr.com/photos/ngawangchodron www.9moisavectoi.com cartas.typepad.com floreve.over-blog.com