Erboristeria: le proprietà del carciofo

Il carciofo è una pianta di uso comune, è usato in cucina per moltissime ricette ma quello che interessa a noi è il carciofo selvatico. Il carciofo selvatico è chiamato cynaria scolymus e le sue proprietà sono conosciute sin dall'antichità, veniva usato anche dai Greci e dagli Egizi.

Pubblicato da Serena Vasta Lunedì 22 febbraio 2010

Il carciofo è una pianta di uso comune, è usato in cucina per moltissime ricette ma quello che interessa a noi è principalmente il carciofo selvatico. Il carciofo selvatico è chiamato cynaria scolymus e le sue proprietà sono conosciute sin dall’antichità, veniva usato anche dai Greci e dagli Egizi. Il carciofo vede un largo uso nel campo dell’erboristeria ed in quello farmacologico, è famoso per essere un alimento tonico e digestivo, contiene molto ferro ed è utile quindi nei casi di anemia.

La proprietà più importante del carciofo è quella di ridurre il colesterolo, questa risuede sia nel carciofo selvatico che quello che conosciamo e che mangiamo abitualmente. La sostanza preziosa che ci aiuta a combattere il colesterolo è la Cinarina, che è stata oggetto di studio di moltissime ricerche scientifiche che hanno avvalorato la tesi sempre di più, fino addirittura ad arrivare ad una dose ideale giornaliera di cinarina che è tra i 60 mg e 1,5 g.

La cosa migliore per non perdere le proprietà del carciofo è optare per ricette e metodi di cottura semplici e leggeri e possibilmente non troppo lunghi. Il carciofo vanta anche proprietà anfocoleretiche, ipocolesterolemizzanti e depatoprotettrici.

Il carciofo ha inoltre le seguenti proprietà:

  • Facilita l’escrezione della bile
  • Aiuta a migliorare la digestione
  • Stimola le funzioni escretive
  • Azione depurativa
  • Abbassa il colesterolo

Foto da:
maddieaboutfood.files.wordpress.com
octobia.files.wordpress.com
scrumptious.typepad.com
tippinthescales.files.wordpress.com
www.seedfest.co.uk
static.howstuffworks.com
images.craveonline.com
www.flickr.com/photos/41204507@N06