Dieta e benessere: consigli al femminile

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Mercoledì 24 novembre 2010

Dieta e benessere: consigli al femminile

In fatto di benessere e di dieta, le donne preferiscono scambiarsi consigli tra loro. La pratica ce lo dice ogni giorno ed un po è anche lo scopo del nostro blog! Ma stavolta a confermarlo è una ricerca scientifica appena presentata nel corso del National Psychology Week, dagli studiosi dell‘Australian National University. Come si è arrivati a queste conclusioni? Presto detto: ad un gruppo di signore sono stati fatti vedere 4 video in cui sia uomini che donne illustravano a loro modo preziosi consigli sulla salute ed il benessere ed in particolare sulle diete.

Ecco cosa ne è emerso spiegato da Tegan Cruwys, che ha diretto lo studio:” i messaggi espressi dalle donne nel video sono stati giudicati dalle volontarie, molto più convincenti di quelle degli uomini. In particolare per quanto riguarda la dieta, l’effetto è stato particolarmente più pronunciato: il 40 % di coloro che hanno osservato il video hanno cliccato su un link per avere maggiori informatori al riguardo, contro l’8%, nei confronti dei messaggi dati dagli uomini”.

La cosa non mi desta particolare sorpresa: a chi chiedereste quale dieta fare per dimagrire un paio di chili? Vi fidereste di più, per scegliere lo sport più adatto a tonificare il vostro corpo del consiglio di un uomo o di una donna? In quale centro benessere passare le prossime vacanze natalizie? E i massaggi? Bisogna dire la verità: il consiglio della migliore amica, quale testimonial concreta, vale più di quello del migliore amico. Ma una perplessità la ho egualmente.

Nello studio venivano segnalati dei link per approfondimento: si trattava di specialisti ed in Italia il trend non segue propriamente la linea australiana. Troppo spesso ancora, care amiche di Pourfemme assistiamo ad una discriminazione in questo senso. La maggior parte dei medici sono uomini e se dobbiamo scegliere li preferiamo al gentil sesso. A parer mio sbagliando, ma questo dicono le statistiche generali. Che dite: inversione di tendenza?