Come riconoscere i sintomi dei fibromi uterini

I fibromi uterini sono dei tumori benigni molto frequenti. Spesso si accompagnano a dolori pelvici, mestruazioni abbondanti ed altri sintomi invalidanti. Quali di preciso? Scopriamoli insieme, possono essere lo spunto per una visita dal ginecologo rimandata da tempo.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Mercoledì 26 ottobre 2011

Come riconoscere i sintomi dei fibromi uterini

I fibromi uterini sono dei tumori benigni. Ne soffre almeno una volta nella vita circa il 30% delle donne. Sono spesso sinonimo di ansia e preoccupazione, benché in quanto benigni, non si diffondono nel resto dell’organismo: crescono all’interno dell’utero (anche se possono arrivare a sporgersi leggermente fuori) sulla parete uterina sviluppandosi dal miometrio il tessuto muscolare liscio dell’utero. Possono essere di pochi millimetri o di molti centimetri (anche 20), a grappolo o come una massa nodulare unica. Ma come riconoscerli? Quali i sintomi più rilevanti dei fibromi uterini?

Sicuramente il dolore pelvico e sanguinamenti anomali devono insospettire in questo senso, ma anche le mestruazioni abbondanti o molto lunghe (che durano cioè più di 7-8 giorni), senso di costipazione, pressione sulla vescica e dunque stimolo costante a fare pipì. In alcuni casi si può manifestare anche un mal di schiena o febbre: molto dipende anche dalla posizione precisa in cui si sviluppa e dalle dimensioni che assume. Una visita dal ginecologo ed un’ecografia possono essere utili per una diagnosi certa.