Cistite: le cure con i farmaci

La cistite è un'infezione alla vescica che colpisce 1 donna su 4 almeno una volta l'anno. Solitamente è trattata con gli antibiotici, ma anche i farmaci da banco possono aiutare a stare meglio. L'importante è agire con tempestività, per evitare che l'infiammazione peggiori: vediamo come.

Pubblicato da Irene Bicchielli Giovedì 11 ottobre 2018

Cistite: le cure con i farmaci
Foto Di Fahroni/Shutterstock.com

I farmaci per la cistite sono sia antibiotici che da banco senza ricetta e, spesso, vengono prescritti insieme. Anche se si tratta di un’infezione batterica, infatti, può essere utile alleviare il dolore con alcuni antidolorifici durante la terapia antibiotica. La cistite provoca molto bruciore, insieme allo stimolo a urinare spesso; talvolta può apparire anche del sangue nelle urine, per cui il disturbo prende il nome di cistite emorragica. Scopriamo quali sono i farmaci per la cistite più indicati per quest’infezione delle vie urinarie così dolorosa, per stare meglio prima e agire tempestivamente.

Quali farmaci per la cistite?

Nella maggior parte dei casi all’origine della cistite c’è un’infezione batterica, come quella causata dall’Escherichia Coli: per questo motivo, le classiche cure per la cistite comprendono farmaci di tipo antibiotico che servono per debellare l’agente patogeno responsabile. A questi, poi, normalmente si abbinano antidolorifici per ridurre il dolore causato dall’infiammazione della mucosa che riveste la parete della vescica.

In altri casi, invece, alla base della cistite non vi è alcun batterio o virus: è il caso del disturbo che prende origine, ad esempio, da una gravidanza o da una terapia chemioterapica. Se la cistite non ha una causa batterica o virale, il medico non prescriverà antibiotici, ma solo farmaci da banco come semplici antidolorifici che riducono il fastidio provocato dall’infiammazione.

Curare la cistite con farmaci antibiotici

Nel caso in cui fosse dovuta alla presenza di un batterio, sarà quindi necessario usare farmaci per la cistite in grado di debellare l’agente patogeno che ci sta provocando l’infiammazione vescicale.

Qui di seguito elenchiamo quali sono gli antibiotici utilizzati più frequentemente per contrastare i batteri responsabili della cistite, da assumere solo e soltanto dopo la prescrizione del medico:

  • Ciprofloxacina: solitamente si utilizza in caso di cistite acuta non complicata per un periodo di tempo di 3 giorni.
  • Trimetoprim: tra i farmaci per la cistite questo è quello che più frequentemente viene impiegato per la profilassi, quindi per un trattamento lungo, variabile dalle 6 settimane ai 6 mesi.
  • Acido nalidixico: indicato sia per le infezioni acute a carico delle vie urinarie che per quelle croniche, può essere utilizzato anche come terapia di mantenimento.
  • Ofloxacina: anche questo è uno dei farmaci contro la cistite che si utilizza in caso di infezioni blande e che può essere somministrato per 3 o per 7 giorni, a seconda del batterio coinvolto.
  • Amoxicillina: tra i farmaci per curare la cistite, questo è certamente quello più indicato per trattare le infezioni di lieve entità; basterà assumerlo per 7 giorni.

I farmaci senza ricetta per la cistite

Anche se la terapia antibiotica è quella privilegiata, è possibile anche assumere farmaci da banco per contrastare la sintomatologia dolorosa della cistite e tenerne sotto controllo i fastidi; il medico ti consiglierà questi medicinali, da soli, se la tua cistite dovesse avere cause diverse da quelle virali.

In particolare, ci sono diversi antidolorifici e antispastici che vengono spesso consigliati perché in grado di ridurre la contrazione della muscolatura liscia della vescica e, quindi, il dolore. Vediamo quali sono i più comuni farmaci senza ricetta per la cistite:

  • Fenazopiridina: oltre ad alleviare la sintomatologia dolorosa, questo farmaco da banco è in grado di ridurre lo stimolo di urinare e può essere assunto per tre volte al giorno.
  • Scopolamina butilbromuro: questo principio attivo è indicato per rilassare la muscolatura liscia del tratto genitourinario, quindi è specifico in caso di infezioni delle vie urinarie. Infatti, quando siamo contratte, schiacciamo la vescica e quindi andiamo ad alimentare il processo infiammatorio.
  • Floroglucina biidrata: tra i farmaci senza ricetta contro la cistite questo è un vero e proprio spasmolitico (in grado, cioè, di rilassare i muscoli). È adatto, in particolar modo, a curare i disturbi delle funzionalità urogenitali e specifico per trattare la cistite interstiziale, cioè la tipologia cronica di questo disturbo.

Attenzione: se sei incinta non assumere questi farmaci per la cistite, anche se non serve la ricetta. Consulta sempre prima il tuo medico!

Oltre i farmaci: come guarire prima

Oltre ad intraprendere una terapia farmacologica per curare la cistite, alcuni comportamenti possono aiutare ad accelerare la guarigione e contrastare le ricadute.

In particolare, sarebbe bene:

  • Bere molta acqua per ridurre la carica batterica.
  • Curare scrupolosamente l’igiene intima.
  • Evitare alimenti che potrebbero irritare le vie urinare come cioccolato, alcol, caffè e spezie piccanti.