Cistite: cause e rimedi alimentari

da , il

    Cistite: cause e rimedi alimentari

    La cistite è una fastidiosa infiammazione della vescica seconda a un’infezione batterica. Colpisce prevalentemente le donne, perché l’uretra femminile (l’ultimo tratto delle vie urinarie) è più corta rispetto a quella maschile e quindi i batteri riescono a raggiungere la vescica con più facilità. Sono maggiormente colpite le donne tra i 20 e i 50 anni di età, che si ammalano soprattutto in periodi di forte stress, quando le difese immunitarie sono più deboli. Quando non è la causa diretta, l’affaticamento psico-fisico può comunque aggravare i sintomi della patologia. Seguire alcuni accorgimenti alimentari può aiutare a far fronte al problema, o comunque a limitare in modo significativo la sensazione di bruciore che ne deriva.

    Ecco i cosigli alimentari più efficaci:

    • Iniziate a prendervi cura di voi stesse fin dalla prima colazione. Non privatevi mai di un buon vasetto di yogurt ricco di fermenti lattici vivi, per assumere il giusto apporto quotidiano di vitamina B. I fermenti hanno una funzione rigenerante per le mucose intestinali, con evidenti benefici per il sistema immunitario che ne uscirà rafforzato.
    • Non dimenticate la vitamina C, utile per stimolare la produzione di anticorpi e proteggere le cellule dell’organismo dagli attacchi batterici. Per alleviare i sintomi della cistite non rinunciate ai frutti più indicati: agrumi, mirtilli, more, uva spina e ribes. Anche gli integratori di vitamina in compresse possono dare una mano, ma prima di decidere di assumerli è consigliabile consultare un medico.
    • Bevete almeno due litri d’acqua al giorno per stimolare la diuresi e limitare così la prolificazione dei batteri a livello della vescica. Sul mercato trovate anche diverse tisane utili per alleviare i bruciori. Fatene buon uso.
    • State attenti alle vostre scelte alimentari. Sono particolarmente indicati i cibi che aiutano a depurare l’organismo: patate, barbabietole, bietole, lattuga, pomodori e piselli. Sono invece da evitare la frutta secca, il latte vaccino, gli insaccati, i fritti, la carne rossa e le frattaglie. Bando anche ad alcolici e caffeina.

    Foto da:

    demenvironequity.net