Cibo-spazzatura: attente alle partite in tv

Snack e cibo spazzatura: l’alimentazione più frequente ed insalubre durante una serata tra amici, mentre si guardano le partite di calcio dei mondiali. Ecco un’alternativa.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Lunedì 31 maggio 2010

Cibo-spazzatura: attente alle partite in tv

Cosa c’entra il cibo-spazzatura con le partite in tv e noi donne? Presto detto: stanno per iniziare i Mondiali di Calcio:snack, pizza, patatine, birra e bevande gassate. Ecco care amiche cosa vorranno mangiare i vostri mariti, figli, compagni ed amici nei prossimi giorni. Comodamente seduti sul divano mentre guardano la partita. Ma come proteggerli dagli effetti dannosi di questi cibi? Come evitare un accumulo di peso e colesterolo? Una spesa intelligente e la programmazione del menù possono aiutare la salute e allo stesso tempo una buona serata tra amici.

Intanto le noccioline e le patatine: troppe calorie e grassi. Ma proprio non se ne può fare a meno? Certo che si, ma vediamo come: si può partire con piccole bruschette ricoperte di pomodorini pachino tagliati piccoli e proseguire con mini-mozzarelle light. Meglio evitare i formaggi stagionati, troppo pieni di grassi. In alternativa può andare bene una pizza, magari la classica margherita o una vegetariana. Evitare quelle con salumi o quattro formaggi, molto difficili da smaltire in una calda serata estiva davanti alla tv, è la scelta migliore.

Manca qualcosa da sgranocchiare? I popcorn possono andare se non troppo salati (perchè l’eccesso di sale non è indicato per l’ipertensione, ne per la cellulite!) o cotti al burro. Uno tirerà l’altro come le ciliegie…anzi se le trovate…Una bella macedonia di frutta potrebbe essere un equivalente stuzzichino, salutare, rinfrescante e nutriente. Ricca di antiossidanti rafforza anche le difese immunitarie e non solo. Un gelato alla fine ci può anche stare, se in quantità giusta.

Evitate infine di mettere in tavola troppe bevande alcoliche e gassate. Finito il menù e la partita, c’è tempo per una bella passeggiata a piedi, tanto per riattivare la circolazione sanguigna. Oppure per fare quattro chiacchiere tra amici e due risate. Perché anche ridere, si sa, fa bene alla salute.

Foto da:
www.nonsolomusica.it