Chirurgia plastica: ecco il laser che ti fa bella

da , il

    Accusculpt, frutto della moderna bioingegneria, è una tecnica di laserterapia. Inventata negli Usa, è capace di sciogliere il grasso in eccesso, un problema legato al soprappeso che riguarda nel nostro paese una persona su tre. Ma la nuova metodica è anche in grado di effettuare un lifting al viso e di trattare in maniera definitiva l’iperidrosi idiomatica essenziale, ovvero quella fastidiosa patologia che provoca una sudorazione eccessiva. Di preciso però cos’è? E’ una tecnica di chirugia laser mininvasiva, approvata dalla FDA–Food and Drug Adiministration–americana che utilizza un laser estremamente preciso e selettivo.

    Negli Stati Uniti è già stata utilizzata su oltre 2 mila pazienti, con buoni risultati e senza effetti collaterali. Il tutto è dovuto alle caratteristiche del laser che agisce con una lunghezza d’onda di 1444 nm (nanometri) superiore a quella dei laser attualmente usati per la liposuzione: consentendo così di sciogliere selettivamente il grasso da 3 a 5 volte in più rispetto agli altri.

    In più permette di asportarlo senza danneggiare i tessuti circostanti. Le cannule di aspirazione sono di soli 1-2 millimetri di diametro. In Europa ha ottenuto la certificazione di sicurezza e in Italia sono già stati effettuati con successo 86 interventi.

    L’energia laser che scorre negli strati più superficiali del tessuto adiposo, determina inoltre una retrazione cutanea simile al lifting e stimola il naturale sviluppo di collagene dermico.

    Per questi motivi il nuovo laser può essere applicato anche agli over 60. La precisione e l’effetto lifting della metodica, la rendono ottimale anche per il viso, ma in questo caso cambia nome, diventa Acculift.

    La cosa pazzesca è che la tecnica è stata capace di curare definitivamente anche l’iperidrosi: in anestesia locale si inserisce una fibra laser che effettua una foto-coagulazione delle ghiandole sudoripare del cavo ascellare. Queste vengono così necrotizzate, senza rischi, cicatrici e preservando la normale traspirazione, fondamentale per il nostro organismo. Insomma tre terapie ed un unico strumento: come una bacchetta magica!