Cellulite, curarla con l’ossigeno-ozono-terapia

La cellulite è una malattia e come tale va curata. Tra le tante metodiche possibili vi spieghiamo come funziona e come si applica l’ossigeno-ozono-terapia.

Pubblicato da Cinzia Iannaccio Martedì 1 giugno 2010

Cellulite, curarla con l’ossigeno-ozono-terapia

Tra le metodiche utili per combattere la cellulite, di cui vi abbiamo lungamente parlato, ce ne è una che mi ha incuriosito particolarmente: l’ossigeno ozono terapia. Questa metodica, conosciuta per lo più per il trattamento dell’ernia del disco, è anche molto utilizzata per l’insufficienza vascolare. Non solo: l’ozono, che noi conosciamo quale componente dell’atmosfera terrestre, protezione fondamentale dai raggi nocivi del sole, è molto usato in medicina. Le sue applicazioni vanno dall’odontoiatria all’immunologia passando per la medicina estetica.


Ha un elevato potere disinfettante e cicatrizzante, per cui le sue applicazioni sono utili contro l’acne e la sua capacità di revitalizzare, di riattivare il microcircolo è molto importante per combattere le rughe e l’invecchiamento cutaneo in generale. Contro la cellulite si sfruttano l’azione antinfiammatoria e ossigenante, ma anche la sua capacità di scindere i grassi, rendendoli idrofili e quindi più facilmente eliminabili.

Da ricordare, amiche di salute pourfemme, che si tratta di una pratica medica e che quindi non potrete trovarla dalla vostra estetista di fiducia. Va fatta solo in studi medici, specializzati, in possesso dei macchinari adatti a “creare” l’ozono poco prima della terapia. Non ci sono effetti collaterali, se fatta nel giusto contesto; è una terapia naturale dai risultati ben documentati scientificamente.

Vi spiega tutto e più approfonditamente il Prof. Marianno Franzini Presidente della Sioot (Società Italiana Ossigeno-Ozono-Terapia) nel video, illustrandovi anche come avviene il trattamento anticellulite.