Bugiardi patologici addio, presentata una macchina della verità che “legge” il viso di chi mente

E’ stata presentata una innovativa macchina della verità che riesce ad individuare se una persona sta dicendo una bugia semplicemente “leggendo” la sua mimica facciale!

Pubblicato da Paola Perria Mercoledì 14 settembre 2011

Bugiardi patologici addio, presentata una macchina della verità che “legge” il viso di chi mente

Vita dura per chi è abituato a mentire con disinvoltura, ora smascherare i bugiardi patologici sarà più semplice, grazie ad una innovativa “macchina della verità” che non si limita più a tentare di scoprire la menzogna attraverso il monitoraggio dell’attività cardiaca, ma semplicemente “leggendo” le espressioni del viso tipiche e istintive di quando non si è sinceri. Insomma, cari pinocchio dalla bugia facile, state attenti alle smorfie che fate quando la sparate grossa! Si scherza, ma la notizia è assolutamente vera.

La nuova macchina “scruta volti”, in grado di individuare la menzogna stampata sulla faccia di ogni essere umano, fosse anche il più abile, è un dispositivo che è stato messo a punto dallo scienziato Hassan Ugail della Bradford University , in collaborazione con i colleghi dell’Ateneo Aberystwyth e della Border Agency (GB), in occasione del British Science Festival che si svolge a Bradford.

In pratica, l’idea è quella di mettere presto a disposizione di Commissariati di Polizia e Caserme dei Carabinieri (mi riferisco all’Italia, in questo caso, ma comunque in generale a tutte le squadre investigative dei corpi di Polizia del mondo) al posto della poco affidabili vecchie “macchine della verità”, per smascherare le omissioni, le bugie e le coperture dei criminali, o presunti tali, durante gli interrogatori. A me ne verrebbero in mente giusto un paio da sottoporre a questa simpatica macchinetta…