Body scanner: è pericoloso per la salute?

da , il

    Oggi vi parlo del body scanner, le nuove apparecchiature di controllo per limitare e speriamo sconfiggere il terrorismo in volo. Il body scanner fa una vera e propria scansione del corpo quindi non dovrebbe più sfuggire nulla, il problema è che questo apparecchio crea dubbi sia per la privacy che ovviamente sarà pari a 0 che per gli eventuali danni provocati dalle radiazioni. I problemi per chi viaggia ed è in salute sono praticamente nulli, il guaio è che per chi viaggia spesso non si sa ancora quali possano essere le conseguenze in futuro anche se i medici sono molto rassicuranti. Discorso a parte invece per i portatori di pacemaker e defibrillatori che potrebbero registrare interferenze con le nuove apparecchiature.

    Proprio parlando dei portatori di pacemaker e defibrillatori, Massimo Chiariello, direttore della Cattedra di Cardiologia della facoltà di Medicina e chirurgia dell’università Federico II di Napoli, dichiara: “Non conosco le caratteristiche tecniche degli apparecchi che saranno installati negli aeroporti italiani, ma questi dispositivi per la sicurezza possono creare problemi alle persone con pacemaker e defibrillatori, interferendo con il loro funzionamento. I cardiopatici e i portatori di dispositivi salvavita viaggiano molto quando i body scanner saranno adottati in Italia, dovranno essere fissate norme severe per la tutela della loro salute, analoghe a quelle previste ad esempio per i controlli di sicurezza in banca“.

    Nei casi in cui non sia possibile usare il body scanner si dovrà procedere con una accurata perquisizione manuale.

    I ricercatori ed i radiologi sono al lavoro per analizzare ogni aspetto dei body scanner, misure di sicurezza che verranno presto adottate negli aeroporti di tutto il mondo, per fugare tutti i dubbi di un’eventuale ripercussione sulla salute.

    Il presidente della Società italiana di radiologia medica (Sirm) Alfredo Siani, dichiara: “Esistono due tipi di body scanner: uno utilizza raggi X che penetrano l’oggetto ma usano radiazioni di ritorno dal corpo; l’altro invece, prevalentemente impiegato negli States, usa onde radio corte a elevata frequenza. Ebbene la prima tecnologia emette raggi X equivalenti a quelli assorbiti in due ore di volo transoceanico, ovvero ad alta quota; mentre, per quanto riguarda la seconda tecnologia impiegata, l’esposizione alle onde radio durante il controllo è di 10 mila volte inferiore a quella legata a una chiacchierata al cellulare“.

    Siani precisa però: “E’ nostro dovere approfondire anche per quantificare eventuali rischi, soprattutto legati a chi viaggia frequentemente, nonché alle donne in dolce attesa e ai bambini“.

    Voi che ne pensate, vi inquitano un pò questi body scanner o pur di viaggiare sicuri va bene questo ed altro?

    Foto da:

    birdofparadox.files.wordpress.com www.impactlab.com sant.theiet.org.au blog.silive.com www.dailycomedy.com www.cremationofcare.com www.tomshw.it images.alice.it