Allergie: le tinture per capelli e la loro sicurezza per la salute

da , il

    Ormai ognuno di noi manifesta allergie nuove quasi quotidianamente. Un dubbio spontaneo nasce anche dall’utilizzo frequente di tinture per capelli, sia casalinghe che professionali: il 60% di noi donne preferisce abbellirsi e coprire i capelli grigi con questi prodotti cosmetici, sulle cui confezioni secondo legge sono indicati gli eventuali rischi per la salute. Cerchiamo allora di scoprire insieme se si tratta di prodotti effettivamente sicuri e come fare per usarli in modo corretto. La legge sui prodotti cosmetici stabilisce in tutela della salute dei consumatori, due principi fondamentali.

    Il primo riguarda la sicurezza dei prodotti utilizzati per la preparazione della tintura che devono essere adeguatamente testati ed autorizzati. E’ per questo motivo che si sconsiglia l’uso di prodotti di cui non si conosce l’origine, benché in taluni casi più economici.

    Sempre secondo la normativa, sulle etichette è possibile trovare tutte le sostanze contenute nel cosmetico, quindi se già sapete di essere allergici ad un particolare profumo o eccipiente evitatene l’applicazione.

    In questo contesto troverete anche le informazioni necessarie per poter utilizzare correttamente il prodotto. Mi raccomando, seguitele però queste indicazioni! Usate ad esempio i guanti, ma soprattutto fate il test come consigliato, applicando una piccola quantità del prodotto sulla cute, 48 ore prima se possibile. Sciacquate abbondantemente la parte se si arrossa o da prurito ed evitate il contatto con gli occhi.

    La sensibilizzazione ad una sostanza può avvenire in qualunque momento. Quindi se non usate un prodotto da parecchio tempo prestate attenzione. In genere comunque si tratta di reazioni cutanee passeggere. Si può assistere ad esempio alla formazione di un eczema. Sono rare le forme gravi di allergie a queste sostanze, ma è sempre opportuno evitare rischi inutili attenendosi alle semplici norme di sicurezza.

    Ed i capelli, ne risentono negativamente? Dipende dal prodotto. Ci sono ad esempio le tinture temporanee, caratterizzate da molecole di coloranti che si fissano debolmente sulla superficie del capello, non penetrano: danno solo un riflesso e vanno via con un shampoo.

    Nei semi-permanenti (che resistono a 8-10 lavaggi), i coloranti penetrano nel capello: si fissano intorno alla corteccia, ma non modificano la naturale melanina dei capelli.

    Ci sono infine le tinture vere e proprie caratterizzate da un agente alcalino che “apre” il capello permettendo al colorante di penetrare in profondità. Il pigmento naturale pilifero viene alterato.