XVI Congresso Internazionale di Medicina Estetica

da , il

    Congresso Medicina Estetica

    Dal 9 all’11 ottobre, Milano ospita il XVI Congresso Internazionale di Medicina Estetica di Agorà-Amiest Società italiana di medicina a indirizzo estetico, presieduto dal prof. Alberto Massirone. La tre giorni, tenuta presso il Centro Congressi Milan Mariott Hotel, è ricca di appuntamenti e sessioni di lavoro di alto livello, alternate da approfondimenti e confronti sul tema dei più recenti trend di medicina estetica nel mondo. Il Congresso, sarà l’occasione per analizzare i dati degli interventi di chirurgia e medicina estetica eseguiti in Italia e all’estero, un settore che non sembra essere stato intaccato dalla crisi.

    Dalle indagini condotte, emerge un quadro caratterizzato da una particolare attenzione nei confronti della cura del corpo. I dati, spiega il prof. Massirone presidente di Agorà-Amiest: “Sono sintomatici di una nuova cultura della bellezza che mette al primo posto la naturalezza dei risultati e la prevenzione: i pazienti hanno compreso l’importanza di mantenere la cute in ottimo stato di salute attraverso l’apporto di sostanze presenti naturalmente nel derma ma che l’età, lo stress e lo stile di vita, possono alterare intaccando sia la struttura della cute che l’aspetto esteriore”.

    Dal 1997 ad oggi, le richieste di interventi hanno conosciuto un aumento esponenziale, pari al 465%. I dati forniti da Asaps, American Society of Aesthetics Plastic Surgery, rivelano che a differenza del 2007, quando il rapporto fra richieste di interventi di chirurgia e medicina estetica era 56 a 44, a partire dal 2011, il trend si è invertito a favore della seconda, con l’82% di preferenze. Nello specifico, i trattamenti di medicina estetica ammontano a 11.419.610, superando abbondantemente le richieste di chirurgia: une fetta di mercato che equivale ad una spesa complessiva di 5 miliardi di dollari.

    Per quanto riguarda il mercato della bellezza italiano, in testa alla classifica delle richieste, ci sono il Filler di acido ialuronico e la Tossina botulinica. Seguono i trattamenti di Biorivitalizzazione cutanea, Epilazione medicale laser e Peeling cutanei. Alberto Massirone spiega: “Gli italiani si confermano un popolo attento alla cura di sé: l’Italia è il settimo paese al mondo per numero di interventi di chirurgia plastica e medicina estetica, nel solo 2013 gli interventi eseguiti sono stati circa un milione”. Generalmente, i pazienti che si rivolgono ai centri specializzati per eseguire questo tipo di trattamenti, hanno un’età compresa tra i 35-50 anni e mostrano una preferenza per gli interventi finalizzati a contrastare i segni del tempo. Quelli eseguiti su minorenni sono sostanzialmente correttivi di problematiche funzionali o sociali.