Visite gratuite dal ginecologo e dal dermatologo: ecco come fare

da , il

    dermatite da visitare

    Settembre si sa, è il mese della “Remise en forme”, dopo gli stravizi delle vacanze estive, ma essenzialmente è il periodo in cui si rimandano di solito dieta dimagrante e visite mediche, siano esse di routine che specialistiche. Il dermatologo ed il ginecologo sono spesso molto richiesti in questo periodo dell’anno, in seguito agli effetti del sole e del caldo sulla pelle e nelle parti intime, oltre che purtroppo per un picco di sintomi riconducibili a malattie veneree, soprattutto tra i giovanissimi. Anche se c’è la crisi economica però, non bisogna trascurare la propria salute e così vi segnaliamo un’iniziativa di prevenzione ed informazione che prevede visite ginecologiche e dermatologiche gratuite.

    Come prenotare le visite mediche gratuite

    Il tutto nasce dalla collaborazione tra il brand Infasil, l’AOGOI (Associazione degli Ostetrici e Ginecologi Ospedalieri italiani) e, quest’anno per la prima volta, la AIDECO (Associazione Italiana di Dermatologia e Cosmetologia). L’iniziativa è valida in tutta Italia e le visite sono prenotabili sul sito dedicato, previo acquisto di almeno due prodotti della linea cosmetica promotrice.

    L’importanza dell’ascolto in prevenzione

    In ascolto con Infasil”, il titolo scelto per l’iniziativa che è particolarmente importante: l’ascolto è alla base di ogni forma di prevenzione, sia esso quello del medico curante che deve prestare attenzione alle parole delle pazienti che esprimono dei sintomi, sia quello da parte delle donne stesse che devono seguirne i consigli sottoponendosi a test specifici con regolarità. Essenzialmente però si vuole sottolineare quanto sia fondamentale per le donne stare attente ai segnali che l’organismo invia loro: la protezione e salvaguardia delle parti delicate, intime, parte da tutto ciò.

    Disturbi della pelle e ginecologici tipici in estate

    Il sole ha decisamente inaridito la vostra pelle? Una visita dermatologica potrà servire a comprendere come curarla al meglio per prepararla al freddo inverno e prevenire l’insorgere di antiestetiche rughe. Fondamentale però diventa se durante l’estate si è sviluppata una micosi, un fungo, un eritema solare, o semplicemente si sono sviluppate bolle in seguito ad una grande sudata. Le malattie veneree rappresentano poi un altro capitolo a se stante che coinvolge sia il ginecologo che il dermatologo. Il caldo ed il sudore inoltre possono aumentare determinate sensazioni spiacevoli come il cattivo odore o il prurito intimo. Intervenire si può. Amiche di Pourfemme, prendetevi cura della vostra salute. Se volete, anche visitando il sito dedicato all’iniziativa. E’ un’iniziativa commerciale ovviamente, ma che può avere un serio riscontro pratico sulla salute al femminile.

    Foto: Usphospitales per Flickr