Uomo partorisce…ma era una donna

da , il

    uomo partorisce era donna

    Sembra uno sciogli lingua, ma è una realtà accaduta in Gran Bretagna. Un uomo di circa 30 anni si è recato in ospedale per partorire. Nessun evento miracoloso o anomalo, perché in realtà la persona in questione aveva cambiato sesso, ovvero, in origine era una donna che però, nel suo passaggio di genere aveva preferito mantenere l’utero. Cosa comprensibile se si pensa agli effetti sull’organismo di un’isterectomia, ovvero una menopausa precoce chirurgica.

    Di fatto però, le terapie per il cambiamento di sesso ne avevano bloccato il funzionamento ed il vero scalpore è nato già lo scorso anno quando l’uomo ha deciso di sottoporsi ad un trattamento ormonale per ripristinare le sue possibilità organiche di avere una gravidanza. Probabile che il parto sia avvenuto con taglio cesareo. Non si hanno dati certi. La notizia è stata diffusa da Joanna Darrell della Beaumont Society (che si occupa di sostegno ai transgender ) attraverso un’intervista al Sundey Times, nella quale spiega che l’uomo li ha contattati per ringraziarli del supporto ricevuto quando aveva deciso di affrontare la gravidanza e dare l’annuncio dell’avvenuta nascita circa 6 mesi or sono.

    Non è comunque neppure il primo caso. Prima di lui uno spagnolo e l’americano Thomas Beatie, entrato nel guinness dei primati per essere l’unico uomo (ex-donna) ad aver dato alla luce ben tre bimbi grazie alla fecondazione artificiale e alla donazione di sperma. Sono tutti casi sui generis, ma che hanno in comune un’unica cosa: il desiderio di un figlio ed in questo non credo ci sia nulla di male se un uomo utilizza il proprio utero. Non è un evento contro natura, anche se poi bisogna valutare i casi individualmente. Molto più anomalo sarebbe il contrario, ovvero se una donna ex-uomo mettesse al mondo un bambino dalla propria pancia.