NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Una borsa di studio contro il cancro per diventare ricercatore AIRC

Una borsa di studio contro il cancro per diventare ricercatore AIRC

Un'iniziativa nata dalla collaborazione di Paytipper con AIRC, a cui tutti possiamo dare un piccolo contributo

da in Ricerca Medica, Tumori
Ultimo aggiornamento:
    Una borsa di studio contro il cancro per diventare ricercatore AIRC

    Lo sapevate che il 35% dei migliori ricercatori italiani è costretto ad emigrare all’estero per trovare laboratori dove portare avanti il proprio lavoro di studio? Ecco perché AIRC, l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, e PayTipper, un Istituto di Pagamento autorizzato dalla Banca d’Italia, hanno deciso di dare il via ad una campagna di donazione volta a finanziare una borsa di studio per un ricercatore in campo oncologico.

    Airc Paytipper

    Fino al 5 ottobre 2016, sarà possibile sostenere questa campagna a favore di AIRC, l’associazione che dal 1965 lavora per sostenere progetti scientifici innovativi, e diffonde notizie importanti per promuovere una cultura della prevenzione. Tutto questo grazie a raccolte fondi effettuate da 20mila volontari, che grazie a 4 milioni e mezzo di sostenitori riescono a garantire le risorse necessarie a circa 5.000 ricercatori per la prevenzione, la diagnosi e la cura del cancro.

    E la raccolta di donazioni per la borsa di studio intitolata a PayTipper S.p.A. vuole proprio offrire ad un giovane ricercatore un anno di studi in un laboratorio d’eccellenza, per poter crescere e fare esperienza in ambito oncologico, perchè è convinzione di AIRC che investire sui giovani sia la chiave giusta per arrivare in futuro a trovare le cure per sconfiggere il cancro.

    Dal 5 settembre è quindi possibile partecipare alla raccolta fondi per supportare la ricerca oncologica italiana con un pagamento tramite bollettini postali e bancari, (Mav, Rav e bollettini Freccia), effettuato attraverso le reti a marchio Punto Puoi e Sermetra e tramite il sito web PagaComodo.

    Il CEO di PayTipper, Angelo Grampa, ha dichiarato: “Siamo felici di fornire, grazie a questa campagna, un aiuto reale e concreto ai ricercatori. Grazie al sostegno dei nostri partner e di tutti i cittadini che quotidianamente scelgono i nostri canali di pagamento, contiamo, con questa donazione, di contribuire alla nobile causa della ricerca scientifica per la lotta contro il cancro.”
    PayTipper effettuerà quindi una donazione di 5 centesimi per ogni bollettino postale o bancario pagato presso le reti fisiche e di 10 centesimi per i pagamenti fatti tramite il canale online, www.pagacomodo.it.

    429

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Ricerca MedicaTumori
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI