Un ciclamino per combattere la sclerodermia o sclerosi sistemica

Il 24 settembre torna in più di 100 piazze italiane la Giornata del Ciclamino, una domenica dedicata alla Lotta contro la sclerodermia, malattia rara e poco conosciuta che colpisce soprattutto le donne. L’iniziativa è guidata dal GILS, Gruppo Italiano per la lotta alla sclerodermia, che sarà presente nelle principali piazze italiane per raccogliere fondi a sostegno della ricerca e negli ospedali maggiori per offrire visite gratuite di prevenzione.

da , il

    Un ciclamino per combattere la sclerodermia o sclerosi sistemica

    Domenica 24 settembre il GILS, Gruppo Italiano per la lotta alla sclerodermia, scende in piazza con la Giornata del Ciclamino in favore della ricerca e della prevenzione, per far conoscere una malattia ancora troppo poco nota, che, in Italia, colpisce circa 25.000 persone, in prevalenza donne. Nelle maggiori piazze italiane i volontari del GILS promuoveranno una raccolta fondi in favore della ricerca medica, distribuendo piante di ciclamini, e si impegneranno per divulgare informazioni sulla sclerodermia attraverso una campagna di prevenzione: da venerdì 22 a domenica 24 settembre saranno effettuati controlli gratuiti in tutte le Aziende ospedaliere che aderiscono all’iniziativa.

    Cos’è la sclerodermia? Si può guarire?

    La sclerodermia o sclerosi sistemica è una malattia che colpisce i piccoli vasi arteriosi e gli organi interni più importanti, come cuore, polmone, esofago, intestino e reni. Si tratta di una malattia a bassa incidenza ma altamente invalidante: colpendo il tessuto connettivo la sclerodermia compromette le capacità funzionali del paziente, con conseguente sviluppo di disabilità, e causa cambiamenti nell’aspetto fisico legati alla sclerosi cutanea e all’atrofia muscolare.

    Se diagnosticata precocemente, il rischio di conseguenze che riducano la qualità della vita del paziente si abbassa notevolmente; per questo motivo si rivela fondamentale la prevenzione e il riconoscere la presenza della malattia nella fase iniziale del suo sviluppo.

    La Giornata del Ciclamino

    Torna per il ventitreesimo anno, la Giornata del Ciclamino, fiore simbolo dell’associazione, durante la quale i volontari del GILS distribuiranno una pianta di ciclamino a tutti coloro che, con un piccolo contributo, supporteranno la lotta alla sclerodermia. Il ricavato di questa raccolta fondi, infatti, permetterà l’avvio di due progetti da 25.000€ l’uno che saranno assegnati a giovani ricercatori sotto i 40 anni (al termine del bando pubblicato il 1 maggio 2017).

    Descrivendo l’iniziativa, Carla Garbagnati Crosti, presidente del GILS, dichiara: «Dal 2008 ad oggi sono stati investiti 1.444.285€ nella ricerca scientifica e, per quest’anno, abbiamo deciso di finanziare due progetti diversi: il primo clinico epidemiologico, mentre il secondo di ricerca base con finalità traslazionali. Lo scopo della Giornata del Ciclamino, però, non è solo quello di raccogliere fondi per la ricerca, ma anche di diffondere conoscenza sulla malattia, in modo da favorire una diagnosi precoce che, in molti casi, può davvero salvare la vita».

    Per far conoscere la sclerdoermia e divulgare informazioni utili alla prevenzione, da venerdì 22 a domenica 24 settembre, dalle 9.00 alle 12.00, le Aziende Ospedaliere che hanno aderito al progetto “Ospedali Aperti” del GILS, effettueranno controlli gratuiti in tutta Italia.

    A far squadra con i volontari che scenderanno in piazza domenica 24 settembre ci saranno anche Mara Maionchi, Vito Di Tano, Lorenzo Cittadini e Franco One, che aiuteranno in prima persona il GILS a informare i cittadini e sostenere la ricerca.

    Per conoscere tutte le piazze che offriranno i ciclamini e gli ospedali che aderiranno al progetto si può visitare il sito www.sclerodermia.net o telefonare al numero verde 800.080.266