Tutti gli organi di cui si può fare a meno

Gli organi di cui si può fare tranquillamente a meno, i protagonisti del corpo umano da non considerare indispensabili per la vita.

da , il

    Tutti gli organi di cui si può fare a meno, perché non è vero che, come spesso molti pensano, il corpo umano è costituito da una serie imprescindibile di componenti. Esistono organi vitali, senza i quali l’organismo non potrebbe funzionare a dovere. Ma esistono anche organi che non sono fondamentali, senza i quali la sopravvivenza è garantita. Vediamo quali sono.

    Le adenoidi

    Le adenoidi si trovano nella parte tra il naso e la faringe e svolgono un ruolo di difesa contro l’invasione di agenti infettivi esterni, formando l’anello linfatico della testa. Ruolo difensivo che è essenziale fino al primo anno di età e poi si riduce progressivamente.

    L’appendice

    L’appendice, situata nel colon, la parte finale dell’intestino, non è indispensabile per il funzionamento dell’organismo. Da considerare come una spia d’allarme per il sistema immunitario intestinale, grazie al suo rivestimento di tessuto linfatico in grado di captare le sostanze nocive, quando è colpita da infiammazioni e infezioni, appendicite e peritonite, può essere asportata senza problemi.

    La milza

    Un organo elastico e molle che si trova nella regione posteriore della cavità addominale, la cui funzione principale è quella di provvedere al metabolismo del ferro. Durante il periodo di gestazione, la milza è responsabile della produzione di globuli sia rossi sia bianchi, funzione che dopo la nascita è affidata al midollo osseo. In caso di necessaria asportazione di questo organo, il fegato e altre sedi di tessuto linfatico ne sopperiscono la mancanza, aumentando la loro attività.

    Le ovaie

    Protagoniste dell’apparato riproduttivo femminile, le ovaie sono situate ai lati dell’utero, al quale sono collegati tramite le tube. Contengono gli ovuli e sono responsabili della produzione e l’immissione nel sangue degli ormoni femminili, l’estrogeno e il progesterone. In caso di tumore è possibile l’asportazione di una o entrambe le ovaie: nel primo caso il concepimento è ancora possibile, nel secondo caso subentra la menopausa.

    La tiroide

    La tiroide, una ghiandola endocrina situata alla base del collo, regola i processi del metabolismo e di consumo dei grassi corporei. La sua asportazione, in caso di noduli pericolosi o tumori maligni, non comporta rischi per la salute ma impone la somministrazione di farmaci specifici, sostitutivi degli ormoni tiroidei.

    Le tonsille

    Le tonsille sono organi ovoidali collocati in fondo alla lingua, ai lati della faringe e dell’ugola. Fanno parte dell’anello linfatico della testa, un organo di difesa del tratto alto delle vie aeree. Se è vero che la loro funzione è particolarmente preziosa durante i primi anni di vita, è altrettanto vero gli adulti e i bambini non troppo piccoli possono condurre un’esistenza serena anche senza questi organi, perché la loro funzione difensiva viene svolta dal sistema immunitario.

    La cistifellea

    Detta anche colecisti, la cistifellea è un organo che si trova sotto il fegato, nella parte alta e a destra dell’addome, che ha il compito di accumulare la bile. Questa sostanza, che viene prodotta dalle cellule epatiche, è immagazzinata dalla cistifellea, per poi essere impiegata nel corso del processo digestivo. L’asportazione di questo organo, per calcoli o altre patologie, non comporta nessun tipo di problema, dopo l’operazione, l’attività digestiva non ne risente.

    L’utero

    L’utero si trova al centro del bacino femminile e permette l’annidamento dell’ovulo fecondato, il nutrimento e la protezione del feto e si contrae per consentire la nascita del bambino. La sua asportazione, necessaria in caso di fibromi di grandi dimensioni, infiammazioni croniche, tumori, emorragia dopo il parto o rottura dell’organo durante lo stesso, rende impossibile il concepimento, ma non la sopravvivenza.