Tumori: contro gli effetti della chemioterapia un aiuto dalla cucina orientale

da , il

    Tumori cucina orientale

    Probabilmente molti di voi sapranno che i tumori sono favoriti anche da una errata alimentazione, troppo ricca di calorie provenienti da grassi polinsaturi, per non citare l’abuso di alcool. Ma non tutti sono edotti sul tipo di dieta che un paziente sotto chemioterapia dovrebbe seguire per affrontare al meglio le cure e ridurre gli sgradevoli e debilitanti effetti collaterali che questi pesanti farmaci provocano nell’organismo. Durante i cicli di chemio, infatti, gli ammalati si ritrovano a combattere contro nausea, coliti, disturbi gastrici, inappetenza. Tutte conseguenze della cure, certo, ma che non aiutano il corpo a combattere contro il “nemico”, sottraendo forza e vitalità.

    Come fare, per riuscire ad alimentarsi in modo sufficiente e gradevole? Consumando cibi che abbiano forti proprietà antinfiammatorie. A questo proposito, vorrei parlarvi della cucina orientale. Non mi riferisco, logicamente, a sushi o involtini primavera, ma agli alimenti base dei piatti asiatici e alle spezie che li insaporiscono. Durante la terapia, è un’ottima cosa prediligere, per i propri pasti quotidiani, i cereali integrali – riso, orzo – cucinandoli molto a lungo in modo che diventino morbidi, e poi riducendoli in crema con il passaverdure.

    In questo modo saranno perfettamente digeribili e si eviteranno i problemi digestivi legati alle fibre. Fonte eccellente e di ottima assimilazione di proteine saranno poi il pesce (sceglietelo delicato, come la sogliola o la platessa), le lenticchie decorticate e, se vi piace, il tofu. La cottura perfetta sarà al vapore, con condimento a crudo. Le alghe, con il loro concentrato prezioso di sali minerali e mucillagini, proteggono il tubo digerente grazie al loro potere antinfiammatorio, inoltre sono molto gustose. La varietà migliori sono la Nori, la Wakame, la Kombu.

    Potreste, ad esempio, utilizzarle per cucinare la zuppa di miso, un piatto tipico giapponese ricco di proprietà e davvero delizioso e leggero. Sarà sufficiente preparare un brodino vegetale non salato, nel quale aggiungere un cucchiaino di miso. La zuppa andrà completata con alghe e tofu. Per contrastare la nausea, sono ottime le gallette di riso. Tenetevene sempre un paio a portata di mano, da sgranocchiare quando sentite arrivare il malessere.

    Se il vostro disturbo è la stitichezza, un ottimo rimedio naturale è la radice di agar agar, che troverete nei negozi specializzati o nei reparti appositi dei supermercati sotto forma di polvere. La potrete sciogliere in un bicchiere di succo non zuccherato, di mela o fragola, ad esempio, facendolo bollire per due minuti. Va bevuto subito ed la sua efficacia è comprovata. Tutti questi alimenti sono di facile reperibilità nei punti vendita di cucina macrobiotica o orientale, ma anche nei supermercati più forniti.

    Dolcetto o scherzetto?