NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Tumore dell’endometrio, il sovrappeso tra i fattori di rischio

Tumore dell’endometrio, il sovrappeso tra i fattori di rischio
da in Ginecologia, Menopausa, Prevenzione, Tumori
Ultimo aggiornamento:

    endometrio

    Il tumore dell’endometrio è la neoplasia più frequente che colpisce il corpo dell’utero: l’endometrio ne è infatti il tessuto che ne riveste l’interno. In Italia il carcinoma dell’endometrio rappresenta il 4% di tutti i tumori con circa 7.700 nuovi casi ogni anno. Per incidenza è il quarto tumore dopo il cancro della mammella, quello ai polmoni e al colon e secondo quanto emerso da un recente convegno dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom) è particolarmente importante comprenderne i fattori di rischio ed i sintomi da non sottovalutare.

    Il cancro dell’endometrio colpisce essenzialmente le donne in menopausa: l’età media di insorgenza sono i 60 anni, anche se non bisogna abbassare la guardia se si è più giovani, perché, seppure con un’incidenza minore, questa neoplasia colpisce a prescindere dalla data di nascita. Tra i fattori di rischio anche il diabete, i chili di troppo ed una alimentazione ricca di grassi e calorie: in particolare l’incidenza di tale tumore è due volte maggiore nelle donne in sovrappeso, tre volte in quelle obese e 4 volte nelle signore affette da diabete, rispetto a quelle normopeso e sane. Anche gli ormoni giocano un ruolo determinante in caso di tumore dell’endometrio, con particolare riferimento agli estrogeni: maggiore è la durata del ciclo mestruale nella vita di una donna (ad esempio con una menopausa tardiva o un menarca precoce) e maggiore è il rischio di svilupparlo. Così le gravidanze e la pillola anticoncezionale, possono fornire un fattore protettivo e dunque agire in qualche modo come prevenzione, mentre la terapia ormonale sostitutiva che si assume in menopausa può essere un fattore di rischio in più, ma esclusivamente se basata sui soli estrogeni, mentre se vi sono contenuti anche i progestinici, il rischio diminuisce.

    Le donne con tali caratteristiche non svilupperanno necessariamente il cancro, ma dovranno prestare maggiore attenzione ai sintomi

    Il sintomo più frequente e rilevante del tumore dell’endometrio è sicuramente il sanguinamento. Soprattutto nelle donne in menopausa, dove non esiste il ciclo mestruale con sue eventuali anomalie, questo fattore deve essere preso subito in seria considerazione. Attenzione però anche al sanguinamento vaginale tra un ciclo mestruale e l’altro: le cause possono essere molte, ma va prontamente esclusa quella più pericolosa, ovvero il tumore. In caso di perdita di sangue dalla vagina senza una motivazione accertata è opportuno sempre rivolgersi al proprio ginecologo di fiducia. Tra gli altri sintomi, delle perdite vaginali abbondanti e spesso anche di cattivo odore, dolori al basso addome, nell’area della pelvi, o ai reni (come accade ad esempio con i dolori mestruali) o infine, un improvviso ed incessante dimagrimento senza essere a dieta.

    Foto di Andrea Scauri per Flickr

    636

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GinecologiaMenopausaPrevenzioneTumori
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI